Alcara Li Fusi, grande successo per la presentazione di Sud Antico


Alcara li Fusi tra filologia ed etnologia in un libro di  Emanuele Lelli  – Il Museo multimediale del Muzzuni

foto relatori libro sud antico

Alcara presto avrà  il suo Museo multimediale permanente del “Muzzuni”. E mentre nel recente passato era solo un’idea, oggi è già un “progetto” che ha l’ambizione non solo di tutelarne la millenaria tradizione che si rifà alla divinità greca Demetra (dea delle messi) che annualmente Alcara celebra il 24 giugno in contemporanea alla festa liturgica di S. Giovanni Decollato, ma di portarla e farla conoscere  oltre le Rocche del Crasto,  appunto, sfruttando le nuove tecnologie – già viste e attuate – all’Expo 2015 dove la celebre “brocca dal collo mozzato” ha avuto un posto d’onore.  A dare la notizia è stato il sindaco Nicola Vaneria nel quadro della presentazione nel salone del  Museo d’arte sacra, del libro “Sud Antico” di Emanuele Lelli dell’università “La Sapienza”  di Roma, studioso di poesia ellenistica e di letteratura scientifica e tecnica greca e latina che nel libro parla diffusamente di Alcara li Fusi che quattro anni prima aveva visitato e parlato a lungo con molti  anziani tra questi il signor Vincenzo Artino Inferno (qua si usa anche il doppio cognome) e da lui ha raccolto, tra l’altro, credenze, superstizioni, gesti quotidiani, rimedi terapeutici, proverbi, espressioni idiomatiche che derivano, per ininterrotta tradizione orale, dal mondo antico, che  Emanuele Lelli ha riportato – ricche di puntualizzazioni e confronti –  in 35 pagine del suo recente lavoro letterario (181-215) e pubblicato con i tipi della Bompiani.

Il prof. Lelli, sostiene con dovizia di puntualizzazioni e confronti, che in questo suo  libro si indagano i testi delle civiltà greca e romana con uno ”sguardo folklorico” attento a quei tratti popolari dei quali anche i più idealizzati “classici” sono permeati. Per metterli in luce e interpretarli – soggiunge Emanuele Lelli –  si è partiti dall’ipotesi per cui la forza della tradizione culturale, di generazione in generazione, abbia potuto conservarli, almeno nella memoria, in comunità agro-pastorali di antichissime origini greco-romane, quali ancora oggi si presentano numerosi centri del nostro Meridione. La presentazione del libro moderata da Carlo Vitale presidente del Consiglio ha visto gli interventi del  sindaco Vaneria, di Nicoletta Fragapane assessore alla cultura, degli storici Fabrizio Passalacqua,  Nicola Bompiedi e Giuseppe Stazzone .

 

Da gazzetta del Sud Nino Vicario 13331001_682579318550035_8137913554604192497_n

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...