GALATI MAMERTINO – Minoranza consiliare al proscenio politico cittadino con due “Richieste” e un “Invito” aventi carattere d’urgenza.


La minoranza consiliare “Vivere Galati”, in ossequio all’investitura a suo tempo ricevuta dalla cittadinanza galatese, pur in costanza di fine mandato elettorale, non concede sosta alcuna alla propria azione politica. Infatti nei giorni scorsi, Vincenzo Amadore, Giuseppe Drago, Andrea Carcione, Antonino Carcione, Enrico Giardinieri e Carlo Vicario – conVincenzo Amadore, capogruppo minoranza consiliare carattere d’urgenza – presentano agli organi istituzionali comunali in essere, le seguenti due “istanze”: la prima all’Ufficio economico-finanziario con la quale si chiede lo “Schema semplificativo del rendiconto di gestione dell’Ente alla data del 1. aprile 2016”; la seconda tratta la “Richiesta atti endoprocedimentali” riferiti alla delibera di Giunta municipale n. 64 dell’11 aprile 2016, avente ad oggetto la “Risoluzione consensuale del rapporto con la ditta Luminarie snc”, relativo al servizio di gestione dell’impianto di illuminazione del civico Cimitero. Approvazione atto di transizione. Autorizzazione alla sottoscrizione. Va subito detto che la richiesta in oggetto da parte di “Vivere Galati”, va inquadrata  alla data dell’11 aprile 2016 giorno in cui la Giunta comunale delibera di risolvere la gestione dell’impianto elettrico cimiteriale con la ditta “Luminarie snc” di Cappadonna e Versaci riconoscendo alla stessa impresa l’importo di 25.000 euro  a titolo di indennizzo per la proprietà dell’intero impianto cimiteriale.

Il 13 aprile, ancora “Vivere Galati” – produce e invia agli organi istituzionali di riferimento – il perentorio “Invito” ad “adottare i soli Atti di straordinaria amministrazione supportati da concreta contingibilità ed urgenza”. Va detto che tale “invito” nasce dal Decreto amministrativo emanato il 4 aprile 2016 con il quale l’assessore regionale alle Autonomie locali e F.P. fissava per il 5 giugno le consultazioni amministrative. Alla luce di tutto ciò, “Vivere Galati” ritiene che “alcuni provvedimenti amministrativi posti in essere dalle S.V. e dalla Giunta comunale violano quanto disposto dalla vigente normativa la quale prevede espressamente – dopo la pubblicazione del Decreto di indizione dei comizi elettorali – esclusivamente l’adozione di Atti amministrativi straordinari, contingibili e urgenti; che le scelte adottate dalle S.V. in prossimità delle scadenze elettorali potrebbero produrre effetti permanenti e vincolanti per i nuovi titolari delle cariche amministrative”. A supporto della propria tesi, “Vivere Galati” rammenta ai destinatari dell’istanza che “Tutti gli atti e/o i procedimenti amministrativi non dotati dei presupposti di straordinarietà richiesti dalla legge in pendenza di Elezioni amministrative, saranno sottoposti all’esame ed alle valutazioni delle autorità competenti”.

NINO VICARIO

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...