ALCARA LI FUSI – La “Compagnia delle serenate” per una notte ai piedi del Castel Turio


FB_IMG_1435418284795

E mentre un tempo quando la splendida cittadina nebroidea era conosciuta in Sicilia per la fiorente industria dei “fusi” per filare lana, seta e lino; da secoli è nota in tutto il mondo per la Festa del “Muzzuni” celebre ricorrenza dedicata alle divinità della natura Demetra, Dioniso e Adone per augurare la fertilità della terra e precisamente nel giorno del Solstizio d’estate 24 giugno. Alcara, quindi – tra suoni, canti, echi di chianote e balli eseguiti magistralmente dai numerosi gruppi folk che convergono per l’occasione nella città di S. Nicolò Politi per tutta la giornata e gran parte della notte del 24 giugno, vive l’apoteosi massima della “Festa del Muzzuni”.

E lassù, tra le viuzze del centro storico, i caratteristici “carruggi” (percorsi in saliscendi) e l’ospitale ombra del Castel Turio che domina la vallata del Rosmarino, la “Compagnia delle serenate” di Galati Mamertino (Salvatore, Franco, Sebastiano, Nino, Giuseppe, Francesco e Totò) “voci” tipiche che sanno di “ieri” ma capaci – allora come oggi – di suscitare emozioni al cuore e alla mente di quanti le ascoltano, per ore hanno “graffiato” il cielo color cobalto con le struggenti “E vui durmiti ancora”, “Facciati bedda”, “Mi votu e mi rivotu”, “Cocciu d’amuri”, “Vinni a cantari”, “Santaluciota” e le tipiche “pizziche” e “mazurke” dell’organetto di Salvatore Prattella coreografate dalle danze delle “Figlie dei fiori” (“bellezze” statuarie venute da lontano) hanno dato fiato a strumenti tipici come (marranzanu, tamburello, chitarra, friscalettu e ciaramedda) fedeli interpreti della musica orale popolare della quale la “Festa del Muzzuni” da secoli si nutre. Era l’alba, la fontana “Abate” con il “chiacchiericcio” dell’acqua che fresca sgorga dai suoi numerosi “cannoli” salutava il nuovo giorno, quando la “Compagnia delle serenate” – stanca, ma soddisfatta – salutava Alcara non prima di aver dato una furtiva occhiata alle cime delle Rocche del Crasto.

NINO VICARIO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...