LEO 4 GREEN, progetto per la salvaguardia dell’ambiente a cura del Leo Club


Immagine

Leo 4 Green” è un progetto del “LEO CLUB” irto a salvaguardare l’ambiente nelle sue varie splendide sfaccettature, dividendosi in tre sottoprogetti:

* AirActionLeo: sensibilizzazione all’inquinamento atmosferico causato dalle polveri sottili;

* AnimaLeo: contribuire al benessere degli animali abbandonati e salvaguardare le nostre strade dal randagismo;

* Leo Hunting Mercury: sensibilizzazione all’inquinamento da mercurio presente in natura;

Proprio quest’ultimo progetto è da porre all’attenzione in modo da correggere le nostre abitudine quotidiane che spesso possono contribuire inquinamento a nostra insaputa. Il mercurio è un elemento naturale, ma è inoltre una tossina bioaccumulativa persistente. E’ l’unico metallo liquido a temperatura ambiente ed ha una densità ancora più elevata di quella del piombo. Ancora, è usato in apparecchiature mediche, trasmissioni di dati, telecomunicazioni, e telefoni cellulari. Il mercurio inoltre è usato in batterie, alloggio per interruttori, e tavole di cablaggio per stampa. Il mercurio gassoso è usato in lampade a vapori di mercurio e cartelli pubblicitari e nei vecchi termometri per la misurazione della temperatura corporea. Visto il suo ancora vasto utilizzo è presente in quantità anormali nell’ambiente. L’inquinamento da mercurio danneggia l’ecosistema in tutte le sue forme fino ad arrivare all’uomo. Infatti i sali mercurici ed il mercurio organico vengono velocemente assimilati dagli organismi in acqua quindi dai pesci che l’uomo pesca e di cui si nutre provocando gravi danni per la salute. Non solo si aumenta la quantità di mercurio presente nel corpo ingerendo dei cibi contaminati bensì anche per assorbimento della pelle quando ne viene in contatto (balneazione in acque contaminate, etc…).

Il mercurio organico esprime la propria tossicità principalmente nel sistema nervoso centrale. Può anche interessare organi importanti quali i reni, e sistemi quale il sistema immunitario. Un esempio degli effetto pericoloso del mercurio è se una donna incinta consuma semi di grano o pesci altamente contaminati da mercurio. I feti sono noti per sviluppare seri problemi neurologici in conseguenza di ciò. Il motivo è che il cervello ed il corpo di feti, infanti ed i piccoli bambini si sviluppano velocemente e sono più suscettibili alla tossicità rispetto ad un cervello adulto.

L’obiettivo del progetto Leo Hunting Mercury è di informare la popolazione per evitare errati comportamenti e per evitare di inquinare inutilmente il nostro già “asmatico”pianeta. Evitare di buttare nel suolo pile scariche o dispositivi elettronici guasti (anche nelle campagne, apparentemente abbandonate o incustodite, in quanto il mercurio è bioaccumulativo nel suolo e negli essere viventi); sostituire magari il vecchio termometro al mercurio con uno di ultima generazione. Inoltre, vorrei porre l’attenzione, a coloro che dovessero leggere l’articolo, in primis, ai direttori e imprenditori di industrie del nostro territorio (Milazzo ne è il massimo esempio) in modo che adottino per le loro fabbriche depuratori e mezzi di smaltimento del mercurio più moderni ed efficienti; in secundis, sollecitare gli enti per la tutela della fauna ittica e dei consumatori, trovandoci in un’isola che fa della pesca un suo alto vessillo (vedi la variegata pesca nello Stretto e del suo prelibato pescespada che, essendo un predatore, ha una concentrazione di mercurio più alta nelle sue carni).

Responsabile distrettuale Leo 4 Green,

Emilio Bifronte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...