CAPO D’ORLANDO – Festeggiamenti per i vent’anni di presenza dell’Avis sul territorio orlandino


IMG_0037

Nel calore di un pallido sole autunnale, alle 9,30 di domenica 6 ottobre, l’area pedonale cittadina – dopo l’incontro istituzionale a Palazzo Europa col sindaco Enzo Sindoni  – si è  tinta di “rosso vermiglio”. A caratterizzare il fenomeno sono stati i labari delle delegazioni Avis provinciali convenute nella città del Capo per unirsi a Pippo Parrino e al suo staff (Daniela Cuticchia, Marco Rocca, Dario Giammellaro, Lando Faranda, Liborio Princiotta, Enrico Mazzone) ai festeggiamenti per i vent’anni di presenza Avisina sul territorio, presenza concreta volta a promuovere i principi della donazione del sangue, secondo il carisma del dott. Vittorio Formentano (Firenze 1895), ematologo, fondatore nel 1927 dell’Avis, un medico che ha avuto la capacità di promuovere e inculcare la cultura della donazione gratuita del sangue a chi non si conosce. “Ma gli Altri, amava dire Formentano, non siamo forse noi?”.

Alle ore 12 — subito dopo la Messa celebrata dal parroco don Nello Triscari che all’omelia rivolgendosi ai convenuti ha così, tra l’altro, espresso la sua riconoscenza: “Voglio ringraziarvi per aver scelto questo luogo sacro per festeggiare la vostra felice ricorrenza; grazie ancora per il lavoro e l’opera diuturna di concreto aiuto che mettete in atto in favore di quanti hanno bisogno”e la lettura della “Preghiera del Donatore” da parte del prof. Cono Messina —   nel salone “Cristo Re” si è tenuto un interessante convegno-dibattito sul tema: “Vent’anni di solidarietà sociale”; relatori la prof. Angela Vecchio, il dott. Gaetano Crisà e il prof. Pietro Mondia. Ha aperto la kermesse il saluto del presidente Pippo Parrino rivolto alle autorità presenti, alle delegazioni provinciali che vanno da Alì Terme a Castel di Lucio e allo storico donatore Franco Previte consigliere regionale e presidente dell’Avis comunale di Messina. Pippo Parrino, in conclusione pensando a Papa Francesco, ha così detto: “Desidero, a nome di tutti gli avisini,  portare a conoscenza di  Sua Santità Bergoglio che la nostra Avis è e rimane fuori dall’indifferenza generale”. Hanno preso quindi la parola, per un breve saluto, il presidente regionale dott. Salvatore Mandarà e il neo presidente provinciale dott. Andrea Pisacane. Al termine, un pranzo sociale in uno dei noti ristoranti della città paladina, ha concluso la felice ricorrenza.

Un importante traguardo, quindi, quello che si è concretizzato domenica a Capo d’Orlando nella vita della locale sezione comunale Avis, caratterizzato nel tempo dall’organizzazione delle raccolte periodiche e, soprattutto, dall’opera di sensibilizzazione della cittadinanza e in primo luogo le realtà scolastiche e giovanili.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...