Roma, rumeno ubriaco uccide un automobilista la folla tenta di linciarlo


Annunci

Alba Munafò ci ha lasciati….


dscn0133

Alba Munafo’, la ragazza di 19 anni entrata in coma dopo l’incidente della scorsa notte nell’autostrada Messina-Palermo a Spadafora è deceduta in ospedale dove era stata ricoverata a causa di un grave incidente stradale. I genitori hanno disposto l’espianto degli organi. La giovane, sorella di Anna Munafo’, giunta seconda al concorso di Miss Italia 2005, stava andando in discoteca in auto con due amici quando c’e’ stato il forte impatto con il guard-rail. La polizia stradale sta ricostruendo la dinamica dell’incidente, anche con l’ausilio dei due ragazzi rimasti illesi. In queste spiacevoli occasioni è sempre difficile trovare parole di conforto. Noi ragazzi del blog desideriamo rivolgere alla famiglia, ai parenti e agli amici di Alba le nostre più sentite condoglianze per il tragico accaduto. Noi tutti vi siamo vicini nella preghiera…

Cliccate qui per leggere gli altri commenti su Alba: https://santagatando.wordpress.com/2009/02/07/grave-incidente-sullautostrada-messina-palermo/

Grave incidente sull’autostrada Messina-Palermo


incidente_stradale_grave

Gravissimo incidente sull’autostrada Messina-Palermo. Una ragazza di Milazzo, Alba Munafò, 20 anni, si trova ricoverata in condizannaioni gravissime al Policlinico di Messina. E’ rimasta coinvolta in un incidente stradale verificatosi nella scorsa notte sulla A20, all’altezza di Spadafora. La ragazza, sorella di Anna Munafò, vice miss Italia nel concorso del 2005, era alla guida di una mazda che per cause inspiegabili ha urtato ripetutamente il guardrail, prima di ribaltarsi. Sull’auto si trovavano altri due ragazzi di 21 anni, originari di Milazzo, che fortunatamente sono rimaste illese.

Cliccate qui per leggere gli altri commenti su Alba: https://santagatando.wordpress.com/2009/02/07/alba-munafo-ci-ha-lasciati/

Catania, 27enne adesca e minaccia minorenni su internet


video2webcam1

La polizia postale e delle comunicazioni di Catania, su direttiva della Procura Distrettuale di Catania, ha denunciato in stato di libertà un catanese di 27 anni, perito informatico, ritenuto responsabile di adescamento di minori su “internet” e tentata violenza privata. L’uomo aveva contattato su internet, utilizzando un noto servizio di chat, due ragazze minorenni, di 13 e 16 anni, entrambe di Catania e, fingendosi anch’egli una ragazza, in diverse circostanze, le aveva convinte a farsi riprendere via web-cam.Una volta ottenute le immagini l’indagato, scoprendo la sua reale età, aveva chiesto alle minorenni di farsi riprendere in scene erotiche via web-cam, minacciandole che in caso contrario avrebbe diffuso le immagini già in suo possesso e riferendo di conoscere sia la loro residenza che l’istituto scolastico da loro frequentato. Le ragazzine impaurite avevano avvertito i genitori, che hanno immediatamente sporto denuncia presso la Postale. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Allegra Migliorini, hanno consentito di identificare l’uomo, che è risultato essere attualmente indagato anche da altre Procure per fatti analoghi. Nel corso di una perquisizione locale, sono stati sequestrati diversi computer e supporti di memorizzazione che sono oggetto di accertamenti tecnici.

Beato Pio IX(Giovanni Maria Mastai Ferretti) – 7 febbraio


90012g

Giovanni Maria Mastai Ferretti (Pio IX) fu il nono figlio del Conte Girolamo e di Caterina Sollazzi e nacque a Senigallia il 13 maggio 1792, battezzato lo stesso giorno della nascita. Compì gli studi classici nel Collegio dei Nobili a Volterra, diretto dagli Scolopi, dal 1803 al 1808, studi sospesi per improvvisi attacchi epilettici, proprio quando sognava di seguire la carriera ecclesiastica. Dal 1814 fu ospite a Roma dello zio Mastai Ferretti Paolino, Canonico di S. Pietro e potè proseguire gli studi di Filosofia e di Teologia nel Collegio Romano. Nel 1815 si recò in pellegrinaggio a Loreto ed ottenne la grazia della guarigione dalla malattia. Per questo potè continuare i suoi studi. L’11 aprile 1819 celebrò la prima Santa Messa nella chiesa di sant’Anna, annessa all’Ospizio Tata Giovanni.
Dal luglio 1823 al giugno 1825 fu tra i membri componenti la Missione apostolica in Cile guidata dal Delegato Mons. Giovanni Muzi. Il 24 aprile 1827 fu nominato Arcivescovo di Spoleto a soli 35 anni; il 6 dicembre 1832 venne trasferito al Vescovado di Imola; il 14 dicembre 1840 ricevette la berretta Cardinalizia; il 16 giugno 1846, al quarto scrutinio, con voti 36 su 50 Cardinali presenti al Conclave, venne eletto Sommo Pontefice a soli 54 anni. Un mese dopo concesse l’amnistia (16 luglio 1846) per i reati politici. Dall’agosto 1846 al 14 marzo 1848 è l’epoca delle grandi riforme dello Stato Pontificio (Ministero liberale, libertà di stampa e agli ebrei, Guardia Civica, inizio delle ferrovie, Municipio di Roma, 14 marzo 1849 emissione dello Statuto). Con l’Allocuzione del 29 aprile 1848 contro la guerra all’Austria declina la stella politica del Mastai e incomincia la sua lunga Via Crucis. Il 15 novembre 1848 uccisione di Pellegrino Rossi; dal 24 novembre 1848 al 12 aprile 1850 esilio del Pontefice a Gaeta e quindi ritorno a Roma, ove riprese una illuminata restaurazione. L’8 dicembre 1854 definizione del dogma della Immacolata Concezione. Dal 4 maggio al 5 settembre 1857 viaggio-visita politico-pastorale di Pio IX nei suoi Stati. Nell’aprile del 1860 caddero le Legazioni, nel settembre la Marche e l’Umbria furono annesse al Regno d’Italia. Il 1 luglio 1861 viene pubblicato il primo numero dell'”Osservatore Romano”. L’8 dicembre 1864 Enciclica “Quanta Cura” e il Sillabo; il 2 maggio 1868 approvazione della Gioventù Cattolica Italiana; l’8 dicembre 1869 apertura del Concilio Vaticano I che promulga due Costituzioni, la “Dei Filius” e la “Pastor Aeternus” del 18 luglio 1870 e la definizione del magistero infallibile del Pontefice Romano se parla “ex cathedra”; chiusura del Concilio per il precipitare degli eventi politici. Il 20 settembre 1870 presa di Roma e chiusura volontaria del Papa in Vaticano. L’8 dicembre 1870 Pio IX proclamò S. Giuseppe patrono della Chiesa universale. Il 16 giugno 1875 Consacrazione della Chiesa al Sacro Cuore di Gesù. Il 7 febbraio 1878 morte di Pio IX dopo 32 anni di Pontificato. Il 12 febbraio 1907 Pio X ordina l’introduzione della Causa di Beatificazione di Pio IX con i Processi Diocesani di Roma, Senigallia, Spoleto, Imola, Napoli. Nel 1954-1955 solenne apertura del Processo Apostolico di Beatificazione presso la Congregazione dei Santi. Il 6 luglio 1985 promulgazione del Decreto sulla eroicità delle virtù del Ven. Pio IX. Il 20 dicembre 1999 Decreto di riconoscimento del Miracolo attribuito a Pio IX.

                                                                             FRANCESCO DE LUCA