MILITELLO ROSMARINO. MONS. IGNAZIO ZAMBITO UN VESCOVO IN… CAMMINO



Mons. Ignazio Zambito, nel suo giro di visite alle parrocchie ricadenti nella Diocesi di Patti che lo hanno visto per 28 anni “pastore” attento, guida spirituale e umana, ha incontrato, tra le altre, la comunità militellese Ad accogliere il Vescovo in una gremitissima Chiesa Madre di fedeli e di autorità civili e militari, allietata dai canti della Corale parrocchiale, è stato il parroco don Calogero Oriti che così si è espresso nel suo indirizzo di saluto al Presule:
“Eccellenza reverendissima, oggi in questa Chiesa, un bel momento di festa riunisce tutta la comunità di Militello per porgerle un affettuoso saluto. Non è senza emozione e commozione che provo ad esprimere e condensare in pochi minuti i sentimenti di profonda gratitudine, di indelebile riconoscenza per il suo servizio di Pastore nella Diocesi di Patti. Il primo ringraziamento va innanzitutto al provvidente disegno di Dio che ci ha fatto dono di un Pastore che con amorevolezza, semplicità ed autorevolezza, ha guidato la nostra Diocesi nel cammino verso Cristo speranza dell’Umanità.
Grazie a nome mio personale per avermi voluto in questa comunità 25 anni or sono. A Lei Eccellenza devo molto! I consigli, gli innumerevoli incontri personali e pubblici, sono stati sempre un mettere a dimora un seme che sono certo non tarderà a portare i suoi frutti. In questa comunità abbiamo avuto modo di sperimentare per circa 30 volte, con la Sua presenza, la vicinanza alla gente, il rapporto confidenziale ed affettuoso nei confronti di tutti, la Sua memoria visiva nel riconoscere ognuno. La ringrazio di questa amicizia che fa eco alle parole di Gesù: <>.

La ringrazio perché in questi anni ha esortato noi presbiteri e anche i laici alla corresponsabilità nel servizio ecclesiale. La ringrazio perché ci ha spronati a vivere oltre l’ovvio, oltre le immagini ed interpretare in modo creativo le nuove esigenze ed emergenze della società guardando al futuro con la solida speranza ancorata a Cristo.
Auguri, Eccellenza! Auguri per la Sua salute, che sia sempre rigogliosa; La porteremo sempre nel cuore; La ricorderemo nelle nostre preghiere e che il seme seminato possa germogliare e portare frutti di santità. Siamo certi che anche le sue preghiere ci sosterranno e ci guideranno ad un legame più forte in Cristo”. Grazie, Padre Vescovo Ignazio per avere scritto una bella pagina di storia nella nostra Diocesi”.
All’omelia, così ha concluso il Vescovo: “…è proprio bisogno del mio cuore ringraziare, salutare e augurare ogni bene a voi tutti di questa comunità. La vostra fede, la vostra amicizia e il vostro affetto mi hanno accolto, sostenuto e colmato il cuore negli innumerevoli incontri che hanno riempito il cammino che, per quasi 28 anni, abbiamo percorso insieme. Vi benedico nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.
NINO VICARIO

Militello Rosmarino, la festa di San Giuseppe ininterrotta dal 1607


Militello Rosmarino, il 19 Marzo tornerà la processione di San Giuseppe, il Bambino e la Madonna.

La Festa di S. Giuseppe, probabilmente, a Militello Rosmarino origina sin dalla fondazione medievale del borgo stesso, Il culto del patriarca tra l’altro era diffuso in tutta la Sicilia in pieno periodo tardo-bizantino, a ridosso della colonizzazione araba dell’isola, l’ illustre  siciliano  Giuseppe l’Innografo († 883), non a caso, compone il Canone delle lodi de alla festa del Patriarca S. Giuseppe. (PG 105, 1273-4).

Purtuttavia, nulla gli archivi attestano circa il culto di S. Giuseppe a Militello fino al 1607, anno in cui è stata realizzata l’attuale immagine lignea del Patriarca e del Bambino Gesù, ritratto quest’ultimo in piena fanciullezza.

Possiamo azzardare l’ipotesi, secondo la quale, la devozione verso S. Giuseppe sia stata portata meglio avanti nel centro nebroideo dai Monaci Domenicani da poco arrivati nel Collegio della “Piazza”, fino a spingere i nobili del luogo a commissionare ai Li Volsi di Tusa l’attuale simulacro ligneo.

Non a caso il periodo dei secoli XVI e XVII, in cui la Chiesa sembra cercare un riparo nella lotta contro l’Impero e la Riforma protestante, diventa il più fecondo per e nella devozione a S. Giuseppe, che nuovi predicatori vanno rinfocolando nei cuori dei fedeli. Ne apre la lista il valoroso domenicano Isidoro d’Isle o “Isolano”, l’appassionatissimo di S Giuseppe, che sul principio del secolo XVI scrive la sua Summa de donis S. Joseph. […]

Nella seconda metà del secolo XVIII alla Processione di S. Giuseppe venne affiancato il Simulacro della Vergine del Soccorso, e con questa aggiunta si è completato il trittico della Sacra Famiglia (Maria, Gesù e Giuseppe) che in pieno mezzogiorno, portati a spalla dai falegnami del luogo percorreva l’antico itinerario anulare. […]

 Non meno importante da notare è la collocazione che gli antichi padri hanno scelto in Chiesa Madre del Dittico ligneo di San Giuseppe e Gesù,  hanno voluto porlo nella parte sinistra del transetto, in una nicchia appositamente ricavata, e stilizzata secondo i tipici gusti di quell’epoca. Da evidenziare l’altare in marmo policromo del secolo XVII, opera coeva del simulacro, nonché la piccola tela de “La Morte del Giusto”, firmata dal Tomasi di Tortorici (XVII sec.), che impreziosisce il tutto. La tradizione orale ci tramanda che sull’altare di S. Giuseppe venivano celebrati tutti i matrimoni, il 1 Gennaio di ogni anno il piccolo simulacro veniva portato nelle case di quegli sposi che ancora non avevano ricevuto il dono della paternità. Ancora, memorie più antiche, ma non meno veritiere ci ricordano che ogni mercoledì del mese di Marzo veniva celebrata una particolare Messa all’altare di S. Giuseppe.  […]

[ Tratto da “Quattro Secoli di Storia” – a cura di G. Cicirello – V. Sanfilippo , Militello Rosmarino 19/03/2007]

Alcara, l’anello vescovile di Mons. Zambito sarà donato al Santo Eremita


L’anello di Mons. Ignazio Zambito,  Vescovo che per 28 anni ha guidato la Diocesi di Patti, resterà, a partire dai mesi prossimi,  perennemente ad Alcara Li Fusi, ospitato e fissato nella Cappella del Santo locale S. Nicolò Politi. A darne l’annuncio alla cittadina è stato il Rev. Parroco Don Guido Passalacqua, durante la Messa , uno scrosciante applauso dei fedeli ha accolto questa notizia. Mons. Zambito ha sempre nutrito una particolare venerazione per il Santo Eremita, morto ad Alcara nel 1167.

L’anello vescovile è uno dei segni più visibili dei vescovi cattolici, Segno di fedeltà del vescovo alla Chiesa, è per i credenti anche il segno della fedeltà di Dio stesso al suo popolo. Sono concessi 50 giorni di indulgenza (S. Uff., 18 apr. 1909) a chi bacia l’anello di un cardinale o di un vescovo.

Alcara Li Fusi riparte dagli “Antichi borghi siciliani”


La proloco Akaret di Alcara Li  Fusi ha indetto anche per quest’anno il II Concorso fotografico Contest  dal tema “Antichi borghi siciliani”. Le foto in formato digitale dovranno essere inviate in forma elettronica all’indirizzo e mail antichiborghisiciliani@virgilio.it, entro il 06 Maggio 2017.

La partecipazione al concorso è totalmente gratuita. Vincerà la foto che, dopo la pubblicazione sulla pagina Facebook dedicata, riceverà più like.

17156177_1899764136935625_498603920705650756_n

 

LONGI. ALLE PENDICI DELLE ROCCHE DEL CRASTO  UNA STAR-TAP ANOMALA


angelo-pidala-nella-casa-del-sole-sulle-rocche-del-crasto

Era il pomeriggio del giorno di San Valentino e da allora i giovani della cittadina nebroidea sono in gran fermento: Angelo Pidalà, ideatore della “Casa del sole” situata alle pendici delle Rocche del Crasto, si presenta in piazza Umberto I e legge, commentandola, qualcosa che ha toccato profondamente tutti i presenti, una missiva che lui ha definito essere  <<Pensieri d’amore da un luncitanu, al suo amato paese>>. Al termine del monologo della durata di un’oretta, tra l’unanime stupore, distribuisce uno scritto spalmato in  ben 20 fogli formato A4 invitando, soprattutto i giovani, a leggerlo, ma “con il cuore”.

Quello di Angelo, che ha fatto ritorno a Longi dopo essere vissuto a Roma dove gestiva una sala per signore, vuole essere uno “svegliamoci ragazzi, la nostra Longi è uno scrigno di ricchezze naturali, uniamo le nostre forze per realizzare qualcosa che possa dare lustro al nostro paese, ad esempio il turismo rurale. Esso non contamina, non danneggia, ma tutela natura e naturali che, stanchi delle frenesie della costa e della città, troverebbero fra i nostri monti la linfa per ritemprare le esauste forze spirituali e materiali. Tutto ciò è possibile – è il ragionamento –  se ci uniamo in un comune obiettivo: fare della nostra Longi un polo d’attrazione naturale, dove – l’una e l’altra iniziativa – non siano concorrenti, bensì diverse nella “diversità”. Pidalà, inoltre, mette in guardia i giovani affinché evitino di guardare speranzosi altrove, a quell’altrove che non è strabico ma utilitaristico che pensa ad arricchimenti facili per sé e in una piccola realtà qual è Longi, non si guadagna nulla, non c’è nulla da arraffare. Quello che propone Angelo Pidalà è una sorta di “star-tap Nebrodi anomala”, essa è “disarmata” non ha un “prototipo” da proporre nel circuito dell’incubatore di progettisti, non chiede finanziamenti (tanto non gliene assegnano!), è solo un invito ai giovani longesi di “tuffarsi” nel tesoro naturale che li circonda, dove – se si scava in profondità – vi si troverebbe lavoro e sviluppo per loro e per Longi tutta. E allora – soggiunge questo “luncitanu innamorato della sua Longi” –  pensiamo per un momento a noi stessi, e mettiamo a frutto tutto quello che madre natura ad ognuno di noi  ha fatto dono: intelligenza e buona volontà. Angelo Pidalà, che in tempi non remoti, ha avuto la capacità di “cambiare destinazione d’uso alla cioccolata”: ha creato, infatti, per le donne, l’acconciatura alla cioccolata. Inoltre, tra i sassi e la natura incontaminata delle Rocche del Crasto, ha fatto rinascere strutturalmente – ora sono dieci anni – la “Casa del sole” meta di turisti soggiornanti che amano la natura e la buona cucina.

NINO VICARIO    

LA CHIESA DI PATTI IN CAMMINO: UN VESCOVO CHE VA, UNO  CHE  VIENE


vescovoignaziozambito

 

22 LUGLIO 1989: Monsignor Ignazio Zambito fa il suo ingresso ufficiale nella Cattedrale di Patti. E’ il nuovo Vescovo della Diocesi pattese. Eletto da Papa Giovanni Paolo II (oggi santo) il 12 maggio dell’89; ordinato il 29 luglio dal Cardinale Salvatore Pappalardo, il 22  luglio prende ufficialmente possesso canonico  della Diocesi di Patti.

Nato a Santo Stefano Quisquina, piccolo centro agricolo dell’Agrigentino, il 25 gennaio 1942, Ignazio Zambito entra, dopo le scuole elementari, nel Seminario di Agrigento, qui viene ordinato sacerdote il 3 luglio 1966. Completati gli studi teologici alla Pontificia università di Roma, ha espletato diverse mansioni nella Diocesi agrigentina, tra queste quella di segretario del Vescovo Giuseppe Petralia; quindi parroco ad Aragona (centro agricolo con diecimila anime), infine – prima di approdare alla Diocesi pattese, vicario generale del Vescovo Luigi Bommarito.  La sua missione pastorale fuori la Cattedrale di Patti – per intimo desiderio “accarezzato” dai tempi dei suoi viaggi a Roma per completare gli studi teologici – il Presule l’ha iniziata alla stazione ferroviaria di Sant’Agata Militello – ci racconta un ferroviere oggi in pensione –  con una Messa celebrata nell’ampio salone del “Ferro-hotel” messo a disposizione dalla direzione, alla presenza di numerosi ferrovieri e delle loro famiglie, nel lontano 1989. Così, all’omelia,  il novello  Vescovo: Quando il treno che mi conduceva a Roma effettuava la fermata alla stazione di Sant’Agata Militello –  svelava Monsignor Zambito ai presenti all’eccezionale avvenimento tutto ferroviario  – venivo attratto e incuriosito dal via-vai delle persone in partenza e il loro daffare; gli altoparlanti costantemente accesi con la voce, a volte rauca, del capostazione che annunciava i vari arrivi e partenze; i carrettini dei giornalai, quelli delle vendite di panini e bibite. Insomma – soggiungeva mons. Zambito – un tourbillon di fatti ed estemporanei avvenimenti che mi si fissavano, volta per volta, nella mente. Fu allora che promisi a Dio e a me stesso che alla mia prima uscita da Vescovo avrei celebrato una Messa qui alla stazione in mezzo a voi ferrovieri e il frastuono delle locomotive. Oggi – concludeva il Prelato – Nostro Signore me ne ha dato l’occasione”.

Pastore dal linguaggio profondo e schietto nel contempo, Mons. Zambito  ama stare in mezzo alla gente comune fino a confondersi con essa. Le sue omelie – spesso fatte a braccio – sono un continuo e inarrestabile intreccio di riflessioni profonde e umane arricchite da contenuti spirituali di forte impatto emotivo. Egli, data la fervida fantasia che lo distingue, fa ricorso ad una parola sempre ricca di colori e di immagini, parola che “graffiando” la volta della Chiesa, dà l’impressione, a quanti l’ascoltano, di essere uscita fuori tema dal messaggio evangelico. Ma ecco, che il fine Teologo, riporta amorevolmente l’attenzione dell’assemblea sulla vera essenza della Parola e ti lancia un “messaggio” che t’impone una profonda riflessione dal sapore di autentico “rompicapo” spirituale.

1 FEBBRAIO 2016: Monsignor  Ignazio Zambito lascia ufficialmente il governo della Diocesi di Patti per raggiunti limiti di età (ha compiuto 75 anni il 25 gennaio scorso) dopo 28 anni di attività pastorale. La notizia è stata diffusa dalla sala-stampa vaticana, a mezzogiorno del 31 gennaio. Rimbalzata la notizia in Diocesi, il Presule così scrive: “Sono grato al Papa e ai suoi collaboratori per la sveltezza con cui ha preso in considerazione la situazione della nostra Diocesi. Patti tutta dà il più caloroso benvenuto al suo nuovo  Pastore, lo attende con vivi e santi desideri, tutti incardinati nella fede, gli porge filiali auguri e fin da ora, gli assicura fedele e diligente collaborazione”. E mentre dai campanili delle chiese di Patti, festose le campane suonavano a distesa, l’interra Diocesi salutava, abbracciava e rendeva omaggio  al suo 101esimo Vescovo che lo ha avuto Pastore e sapiente Guida spirituale per ben 28 anni ed ora in partenza  per raggiunti limiti di età.

IL VESCOVO CHE VIENE: Monsignor Guglielmo Giombanco – La sua ordinazione episcopale nel pomeriggio del 20 aprile all’interno del santuario del Tindari, alla presenza alcuni vescovi di Sicilia, di tutti i sacerdoti della Diocesi e di una folta rappresentanza della Chiesa di Acireale e di Piedimonte Etneo, comune d’origine del Presule.

NINO VICARIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: