MESSINA – Inaugurata la mostra “Videro e credettero, la bellezza e la gioia di essere cristiani”


9novembre2013 136

Sabato 9 novembre alle ore 19,00 ha avuto luogo dinanzi ad una numerosa ed attenta platea l’inaugurazione e la presentazione dei contenuti della mostra “Videro e credettero”. La bellezza e la gioia di essere cristiani. E’ intervenuto nell’occasione Don Liborio Di Marco, docente di Sacra Scrittura presso la Facoltà Teologica di Sicilia in Palermo, che ha effettuato una lectio magistralis incentrata sulla figura di Cristo Uomo-Dio essenza dell’incontro e dell’avvenimento Cristiano, che fa del Cristianesimo stesso un fatto e non una dottrina religiosa. Alla relazione di don Liborio, che ha suscitato commozione ed entusiasmo tra i presenti, ha fatto seguito la visita guidata della mostra da parte di Maria Concetta Buttà, coordinatrice della esposizione itinerante per la Sicilia.

Giunta nella nostra città per iniziativa dell’Associazione Culturale “Don Giuseppe Riggi”, in occasione dell’Anno della fede, con il patrocinio dell’Arcidiocesi di Messina‐Lipari‐Santa Lucia del Mela e di Comunione e Liberazione di Messina, la mostra Videro e credettero. La bellezza e la gioia di essere cristiani, prodotta da Itaca con il patrocinio del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, che ha concesso il logo dell’Anno della fede, del Progetto Culturale della Chiesa Italiana e dell’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della CEI sarà visitabile fino al 17 novembre nella Basilica Cattedrale di Messina. In un tempo nel quale Dio è diventato per molti il grande Sconosciuto e Gesù semplicemente un grande personaggio del passato» – ha detto Benedetto XVI – occorre «un rinnovato impulso, che punti a ciò che è essenziale della fede e della vita cristiana», cioè l’incontro con Cristo, vivo e presente. È questo l’intento dell’esposizione, che si colloca nell’ambito dell’Anno della fede voluto da Benedetto XVI, e portato avanti con altrettanta audacia dal grande testimone della bellezza di Cristo quale è Papa Francesco, come occasione di riscoperta di una fede ragionevole e piena di speranza.

La mostra, costituita da 32 pannelli suddivisi in cinque sezioni, propone un percorso di testi e immagini che, partendo dal contesto di un «mondo dopo Gesù senza Gesù», per usare un’espressione del poeta Péguy, intende mettere in luce il realismo e la ragionevolezza della fede come l’unica che può rispondere al cuore dell’uomo, fatto per l’infinito.

ALCARA LI FUSI – Dibattito, visita guidata e concerto in occasione del 10° anno dall’inaugurazione del “Museo d’Arte Sacra”


2013_11_14 locandina_museo

L’iniziativa vuole mettere maggiormente in risalto le peculiarità artistiche inserite all’interno del complesso museale, valorizzando sempre più lo straordinario patrimonio che le Chiese Alcaresi hanno tramandato sino ai giorni nostri e di cui ne siamo fruitori privilegiati. Il Museo d’arte sacra di Alcara, unico nel suo genere, si offre come una vera e propria entità culturale che mette in evidenza l’evolversi di una comunità e della sua stessa identità, espressa attraverso la sua storia e cultura fatta di fede religiosa, pietà popolare, devozione, le proprie tradizioni, i simboli mediante il loro significato e valore, rappresentato nelle opere e dalle opere stesse le quali, si offrono come elementi  che sono l’identificazione di una comunità. 

Decorrendo il 10° anno dall’inaugurazione del Museo d’Arte Sacra, l’Amministrazione Comunale in sinergia con la Parrocchia, intende promuovere sempre più, per quanto possibile, la valorizzazione e la pubblica fruizione del patrimonio da riscoprire, anche e soprattutto attraverso il territorio di cui fa parte e nel quale ciò si trova contestualizzato perché possa divenire un itinerario atto a far cogliere il prestigioso valore di queste realtà. Questo evento, vuole dare maggiore rilievo all’elegante e prezioso corredo di Argenti realizzati nelle botteghe orafe di Messina e Palermo a partire dal XVI secolo e che oggi, a distanza di secoli, si presentano e si mostrano come tesori dalle piccole bellezze che, mediante l’esemplare pregio artistico, divengono alta percezione da parte del visitatore il quale, per l’occasione, potrà anche lasciarsi avvolgere dall’armoniosa atmosfera di musica Etno/folk e canti popolari del gruppo Kaleatturnu, legata all’antica tradizione alcarese e della Sicilia in generale, connessa non a caso ai rituali di fede e religiosità popolare.

Nicola G. Bompiedi (Consigliere Comunale) - Lucio Pirronello (Assessore ai Beni Culturali) - Fabio Zaiti (Assessore allo Sport, Turismo e Spettacolo) - Nicoletta Fragapane (Assessore alla Cultura) – dott. Nicola Vaneria (Sindaco)

GALATI MAMERTINO Consiglio Comunale tutto incentrato sulle interrogazioni e le proposte della minoranza consiliare


SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Da sinistra a destra: Il capogruppo Amadore Vincenzo e i consiglieri Vicario
Carlo, Giardinieri Enrico, Carcione Antonino, Drago Giuseppe, Carcione Andrea.

Su richiesta del Gruppo di Minoranza Consiliare “Vivere Galati”, è stato convocato per martedì 12 novembre 2013 alle ore 17.00, il Consiglio Comunale in sessione ordinaria nel quale saranno discusse quattro delle cinque interrogazioni presentate nelle scorse settimane dai consiglieri di minoranza Vincenzo Amadore, Giuseppe Drago, Andrea Carcione, Antonino Carcione, Enrico Giardinieri, Carlo VicarioLe interrogazioni fanno riferimento alla potabilità dell’acqua pubblica e ad alcuni lavori pubblici che si stanno eseguendo all’interno del territorio comunale e che, tuttavia, stanno causando malumori e disagi a gran parte della popolazione galatese, stante – come sostengono i consiglieri di minoranza e numerosi cittadini – l’inspiegabile sospensione di alcuni degli stessi o la mancanza di idonei controlli da parte dell’Amministrazione attiva e dei relativi Uffici. In particolare, la minoranza Consiliare ha puntato i riflettori sui lavori della Scuola Materna centro (ormai sospesi da parecchi mesi) e dell’adiacente via S. Francesco, oltre che sulla tanto discussa strada di località “centimolo” (con il conseguente, irrimediabile impatto ambientale) che si congiunge con quella a scorrimento veloce per Rocca di Caprileone.

Di particolare gravità, poi, i diversi (ben cinque!) atti di diffida e richiesta risarcimento danni – oggetto di altra interrogazione -  inviati al Sindaco già nel 2010 e reiterati lo scorso mese di settembre, dai quali si evince come il comune di Galati Mamertino e lo stesso Primo Cittadino non abbiano posto in essere alcun atto amministrativo e/o finanziario al fine di redimere e/o sanare i presunti danni lamentati dagli istanti. Tale inerzia del Sindaco e dell’amministrazione diffidata, ha comportato un aggravio delle spese a carico dell’Ente comunale (vedasi spese ed interessi calcolati dal 2010 ad oggi!) e potrebbe comportare un grave danno erariale alle casse comunali qualora i privati interessati proseguano con la già paventata segnalazione alla Corte dei Conti.

Infine una specifica interrogazione è stata presentata sui lavori volti a realizzare la “segnaletica stradale ed i panelli informativi” su tutto il territorio, i quali presentano numerose anomalie ed evidenti incongruenze (che paradossalmente rischiano di confondere anziché aiutare eventuali visitatori e turisti). Alcuni cartelli sono stati, infatti, collocati senza alcun criterio logico e/o geografico (vedasi le numerose foto recentemente pubblicate nei vari social network) ed hanno suscitato molta ironia tra i cittadini galatesi. Pur tuttavia, tale interrogazione, presentanta contestualmente alle altre dal gruppo di minoranza, non è stata inserita tra i punti all’O.d.g. del prossimo civico consesso. Semplice dimenticanza o un modo come un altro per rinviare o sottovalutare il problema e prendere tempo?!?

L’ennesimo interrogativo, conseguenza dell’improvvisazione che sta caratterizzando il mandato dell’Amministrazione Comunale di Galati Mamertino. E’ anche per questo che il Gruppo Consiliare di minoranza “Vivere Galati”, non può sottrarsi dal far sentire forte la propria voce, “la voce di una Minoranza che non riveste solo ed esclusivamente il ruolo di opposizione alle vicende amministrative – come dichiara il Capogruppo Vincenzo Amadore- ma che è presente e attenta nel dare quotidianamente  risposte ai cittadini, proponendo anche soluzioni ai problemi della comunità galatese con responsabilità e nei limiti del mandato politico di minoranza”.

Università Messina, riconoscimento alla carriera per il l’ex rettore Gaetano Silvestri


1382904_420686718057547_1761661123_n

Venerdì 8 novembre a Messina, alle ore 17.30 presso l’Aula Magna del Rettorato, il Professore Gaetano Silvestri, già Rettore dell’Università degli Studi di Messina dal 1998 al 2004, è stato insignito di un riconoscimento per celebrare il lavoro di una vita, che lo ha visto raggiungere traguardi importanti e prestigiosi culminati, lo scorso settembre, nell’elezione alla Presidenza della Corte Costituzionale. Silvestri, nato a Patti nel 1944, si laurea in Giurisprudenza a ventidue anni col massimo dei voti e con lode. Nel 1967, in occasione del ventesimo anniversario dell’Assemblea costituente, vince il premio del Presidente della Repubblica per la miglior tesi di laurea in Diritto Costituzionale. Tre anni più tardi, vinse il concorso per assistente ordinario alla Cattedra di Diritto Costituzionale della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Messina e, nel biennio 1971-1972, insegnò prima Diritto degli Enti Locali presso la Facoltà di Scienza Politiche dell’Ateneo messinese, e dopo Diritto parlamentare nella stessa Facoltà. Nel triennio 1988-1991, ricoprì il ruolo di componente del Comitato direttivo dell’Associazione italiana dei Costituzionalisti. Fu insignito della carica di componente del CSM dal Parlamento dal 1990 al ’94. Nel ’98 è stato nominato componente del Consiglio scientifico dell’Istituto di studi sulle Regioni del CNR. Il 31 luglio dello stesso anno è eletto Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Messina e verrà successivamente riconfermato per il triennio 2001-2004. Alla cerimonia, che è stata moderata dal prof. Antonio Saitta (Pro-rettore dell’Ateneo con delega alla legalità), sono intervenuti il Rettore, prof. Pietro Navarra, il prof. Giancarlo de Vero (Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza), il prof. Antonio Ruggeri (ordinario di Diritto Costituzionale dell’Università di Messina), il prof. Michele Ainis (ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico, Università Roma Tre), il prof. Federico Martino (già ordinario di Storia del Diritto nel nostro Ateneo), il prof. Giovanni Pitruzzella (Presidente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), il prof. Marcello Saija (ordinario di Storia delle Istituzioni Politiche, Università di Palermo), il prof. Antonino Spadaro (ordinario di Diritto Costituzionale, Università Mediterranea di Reggio Calabria), il prof. Luigi Ventura (ordinario di Diritto Costituzionale e Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Storiche, Economiche e Sociali dell’Università di Catanzaro).

ALCARA LI FUSI – Organizzato corso BLS-D presso il salone della Società Agricola


20131107_175558

Lo scorso 7 novembre 2013 è svolto presso il salone della Società Agricola di Alcara li Fusi il corso per esecutore BLS-D organizzato dall’Amministrazione Comunale insieme all’ACD Alcara ed al FEMA Group, ente accreditato presso la centrale operativa del 118 di Messina. Il corso ha consentito di 20131107_182000acquisire conoscenze teoriche e pratiche  sulle tecniche di primo soccorso e rianimazione e, soprattutto, ha permesso ai partecipanti di imparare ad utilizzare il defibrillatore semiautomatico, che in diverse occasioni può rivelarsi un importantissimo strumento salvavita. Tra i partecipanti, oltre ai dipendenti comunali con responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro e polizia locale, anche molti componenti del Gruppo Comunale di Protezione Civile tra cui il Responsabile, Sig. Salvatore Calcò, la farmacista, dott.ssa Lanza e semplici cittadini. 

Durante il corso sono state simulate le manovre di primo soccorso, di disostruzione delle vie aeree e di massaggio cardiaco attraverso l’uso di manichini appositi ed è stato insegnato il corretto uso del defibrillatore in condizioni di sicurezza. Al termine della giornata di formazione, i numerosi partecipanti hanno ulteriormente maturato consapevolezza dell’importanza delle nozioni acquisite, tanto che si pensa di ripetere nel prossimo futuro l’iniziativa per ampliare la platea dei partecipanti.

 Il Sindaco dott. Nicola Vaneria

MESSINA – “Videro e credettero. La bellezza e la gioia di essere cristiani” a cura dell’Associazione culturale “Don Giuseppe Riggi”


Mostra

Videro e credettero. La bellezza e la gioia di essere cristiani La mostra, promossa dall’Associazione Culturale “Don Giuseppe Riggi” in occasione dell’Anno della fede, sarà visitabile dal 10 al 16 novembre nella Basilica Cattedrale di Messina. Sabato 9 novembre alle ore 19 l’inaugurazione e la presentazione con don Liborio Di Marco e Maria Concetta Buttà.

Per iniziativa dell’Associazione Culturale “Don Giuseppe Riggi”, con il patrocinio dell’Arcidiocesi di Messina‐Lipari‐Santa Lucia del Mela e di Comunione e Liberazione di Messina, domenica 10 novembre aprirà al pubblico nella Basilica Cattedrale di Messina la mostra Videro e credettero. La bellezza e la gioia di essere cristiani, prodotta da Itaca con il patrocinio del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, che ha concesso il logo dell’Anno della fede, del Progetto Culturale della Chiesa Italiana e dell’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della CEI.

Sabato 9 novembre alle ore 19 avrà luogo l’inaugurazione e la presentazione dei contenuti della mostra con gli interventi di Don Liborio Di Marco, docente di Sacra Scrittura presso la Facoltà Teologica di Sicilia in Palermo, e Maria Concetta Buttà, coordinatrice della mostra per la Sicilia. «In un tempo nel quale Dio è diventato per molti il grande Sconosciuto e Gesù semplicemente un grande personaggio del passato» – ha detto Benedetto XVI – occorre «un rinnovato impulso, che punti a ciò che è essenziale della fede e della vita cristiana», cioè l’incontro con Cristo, vivo e presente. È questo l’intento dell’esposizione, che si colloca nell’ambito dell’Anno della fede voluto da Benedetto XVI, e portato avanti con altrettanta audacia dal grande testimone della bellezza di Cristo quale è Papa Francesco, come occasione di riscoperta di una fede ragionevole e piena di speranza.  La mostra, costituita da 32 pannelli suddivisi in cinque sezioni, propone un percorso di testi e immagini che, partendo dal contesto di un «mondo dopo Gesù senza Gesù», per usare un’espressione del poeta Péguy, intende mettere in luce il realismo e la ragionevolezza della fede come l’unica che può rispondere al cuore dell’uomo, fatto per l’infinito.

UCRIA – Concesso dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali un contributo per l’iniziativa “Dacia Maraini, un libro per Ucria”


La Giunta

Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale comunicano che l’Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, dott.ssa Mariarita Sgarlato, apprezzando l’iniziativa promossa dal piccolo centro nebroideo, e tenuto conto del valore di promozione della conoscenza della storia del territorio, ha concesso al Comune di Ucria il patrocinio per l’iniziativa “Dacia Maraini, un libro per Ucria”. Il contributo concesso, ammonta ad oltre dieci mila euro.

Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale ringraziano l’Assessore per il contributo concesso finalizzato alla manifestazione, che si terrà in data da stabilire, per conferire la cittadinanza onoraria a Dacia Maraini, una delle più conosciute e apprezzate scrittrici italiane, oltre che la più tradotta nel mondo, autrice, tra l’altro, del libro “La lunga vita di Marianna Ucria” dal quale è stato tratto l’omonimo film diretto da Roberto Faenza, che ha calamitato l’attenzione di numerose persone sul Comune di Ucria.

                                                                                                                                   Ufficio Stampa 

ALCARA LI FUSI – Giornata nazionale delle forze armate e dell’unità nazionale (4 novembre 2013)


4A3E5935

Partecipata commemorazione ieri pomeriggio ad Alcara Li Fusi, in occasione delle celebrazioni del IV Novembre, Giornata nazionale delle forze armate e dell’unità nazionaleDopo la messa, celebrata dall’arciprete don Guido Passalacqua in una chiesa gremita di cittadini ed alunni delle scuole primaria e secondaria, un corteo è partito alla volta del monumento ai caduti dove è stata deposta una corona di alloro accompagnata dalle note dell’inno nazionale e della canzone del Piave suonate dalla banda municipale di Alcara Li Fusi. Hanno preso la parola,  il Sindaco dott. Nicola Vaneria, il Presidente del Consiglio Comunale, Carlo Vitale, ed il Gen. Rosario Sidoti appartenete all’U.N.U.C.I.

4A3E5959

Successivamente, si è tenuto presso la sala consiliare un affollato incontro tra alcuni reduci della II guerra mondiale con protagonista il sig. Oriti Gaetano di Alcara, che alla veneranda età di 94 anni è riuscito brillantemente a illustrare alcuni momenti cruciali della Guerra dal momento in cui è stato chiamato alle armi fino al rientro a casa. Tale incontro si è svolto con gli alunni delle scuola di Alcara con l’obiettivo di tramandare alle nuove generazioni memorie, esperienze e ricordi di chi ha conosciuto in prima persona la barbarie della guerra e della morte. I giovani, nei loro interventi e con le loro domande attente e partecipi, hanno dimostrato di aver preso coscienza di quanto importante sia lo scambio di conoscenze ed esperienze con gli anziani ed il valore del sacrificio di quanti hanno perso la vita per garantire unità e pace al nostro Paese. Molto soddisfatta per l’iniziativa e per la partecipazione della cittadinanza l’Amministrazione Comunale che ha ringraziato tutti i convenuti tra i quali il personale della Stazione dei Carabinieri di Alcara, del Distaccamento Forestale di Militello Rosmarino e dell’Esercito Italiano.

Il Sindaco Dott. Nicola Vaneria

GALATI MAMERTINO – Il dott. Andrea Carcione è il nuovo segretario del locale PD


Segreteria del Pd galatese

Con un’ampia votazione (tre le astensioni) il dott. Andrea Carcione, attuale componente la minoranza nel Consiglio comunale di Galati Mamertino, è stato eletto segretario del locale Partito democratico, subentra a Salvatore Rivetti. Questa la composizione del direttivo che gestirà la vita politico-culturale  del  locale Pd: Rossella Vicario, Sebastiano Bontempo, Lorena Barone e Luigi Colopi; a comporre la triade dei delegati al congresso provinciale sono stati eletti Salvatore Rivetti, Antonino Baglio e Maria Rosa Barone .

Il congresso, che si è tenuto nei locali del circolo “Salvatore Carnevale” alla presenza del garante avv. Nicola Marchese inviato dalla Federazione provinciale, si è svolto in un clima di sereno e leale dibattito caratteristica questa, che è propria del Partito democratico non solo locale ma anche a livello nazionale. La notizia dell’elezione di Andrea Carcione e della qualità dei giovani che lo affiancheranno nella gestione politica della segreteria, ha suscitato grande soddisfazione in tutta Galati e nel mondo giovanile in particolare. Giovani, si è detto  che, seppure avvicinatisi da poco alla politica, dimostrano fin da adesso,  grande entusiasmo e voglia di fare, insomma precursori a Galati di idee nuove e di largo respiro.

NINO VICARIO

MILITELLO ROSMARINO – L’Associazione “Amici di Militello” di Grumello del Monte in… cammino


image[2]

E’ nata a Grumello del Monte (Bergamo) l’Associazione Culturale Amici di Militello “F. Piscitello”, sostituisce la gloriosa associazione “Amici di Militello” fondata nel lontano 2005 ad opera di un centinaio di emigranti militellesi insediatisi in quella cittadina e nel Nord’Italia fin dal 1974. La modifica del nome, avvenuta con regolare atto notarile, è stata formalizzata dal Consiglio direttivo in occasione del “17. Raduno Militellesi”, lo storico incontro annuale in cui il sodalizio raccoglie la diaspora militellese sparsa nel Bergamasco e dintorni.

Il raduno di quest’anno, tenuto in un noto locale di Castelli Calepio, che l’Associazione ha voluto caratterizzare con un’interessante tavola rotondaimage (2) moderata da Nicola Lombardo del Consiglio regionale della Lombardia, avente per tema: “Valorizzazione del nuovo ambito di residenza nel rinnovo dei legami di origine” ha registrato, oltre ad una larga partecipazione di amici e simpatizzanti del sodalizio, gli interventi dei due sindaci patrocinatori del “gemellaggio” – Nicoletta Noris e Calogero Lo Re — a seguire hanno portato il loro contributo Vito Patti (ass. “il Mandorlo”), Pietro Poidimani (ass. Globe Italia), Mario Ridolfo (ass. Famiglia Agirina), quindi il dott. Valaguzza rappresentante Regione Lombardia al Consiglio europeo. E se la signora Noris ha esordito dicendo di provenire anch’ella da una famiglia di emigranti che nel secolo scorso sono emigrati in Francia ragione per cui, ella stessa, dà molta importanza all’incontro tra i due Popoli – il bergamasco e il siciliano – sancito indissolubilmente dal “gemellaggio”; il sindaco Lo Re che nel porgere il saluto dei militellesi dei Nebrodi, si è detto onorato di trovarsi a Grumello e sentirsi circondato da tanta amicizia e calore umano nella giornata che vede sancire la nascita dell’Associazione culturale Amici di Militello “Filippo Piscitello” sodalizio culturale “che gode, ha soggiunto, della stima dei cittadini grumellesi, prova ne è l’importanza che la locale municipalità image[1]annette al gemellaggio tra Grumello del Monte e Militello Rosmarino”. Non sono mancati poi, gli interventi della signora Maria vedova del compianto Filippo Piscitello, che ha parlato della sua esperienza in Malawi (paese africano dove negli anni 2003-2004 si è verificata una delle più grandi carestie del secolo) ed ha esortato le associazioni presenti a continuare nella ricerca del “ciò che unisce” in amicizia, stima e collaborazione, concetto questo, più volte ribadito nei vari interventi che si sono susseguiti.

Il presidente Biagio Lo Castro, che nel suo intervento si è soffermato largamente sul “valore culturale e non solo, che produce l’incontro dei popoli”, non senza un velo di commozione, così ha chiosato: “La cosa che più tocca a me e agli amici organizzatori è il pensare qual è la molla che induce così tante persone a partecipare agli annuali incontri dell’Associazione e con entusiasmo condividere l’emozione e il piacere di rinverdire i ricordi, il raccontare delle loro radici culturali, della cara Militello e del suo splendido territorio, dei profumi e dei prodotti gastronomici nebroidei. Insomma – conclude Lo Castro – nell’incontro di quest’anno la nostalgia è di casa”.

Dopo la Messa celebrata da don Angelo parroco di Grumello, arricchita dall’esposizione della reliquia di S. Biagio donata alcuni anni addietro all’Associazione da don Calogero Oriti parroco di Militello e conclusa la parte culturale, i convenuti si sono incontrati all’Hotel Stockolm dove, tra canti e balli, hanno dato fondo alle prelibatezze regionali siciliane e lombarde.

NINO VICARIO

SANT’AGATA MILITELLO – Peregrinazione dell’urna di don Bosco (17 novembre 2013)


Don Bosco

Giorno 17 novembre 2013 la “Peregrinazione dell’urna di Don Bosco” farà tappa a Sant’Agata Militello. La tappa santagatese fa parte di un tour lungo sei anni, cominciato il 25 aprile del 2009, anno del 150° della fondazione della famiglia salesiana, per terminare il 31 gennaio del 2015, quando ricorrerà il bicentenario della nascita del sacerdote. L’Urna arriverà domenica 17 novembre in Piazza Duomo alle 8.30 , qui sarà accolta e accompagnata con una breve processione fino all’interno dell’Istituto Zito. Sarà possibile dunque per i fedeli visitare l’Urna all’interno del Palauxilium dove, alle 10.30, si terrà la Santa Messa officiata da S. E. Mons. Ignazio Zambito e animata dalla Corale Lorenzo Perosi di Sant’Agata Militello. La partenza dell’Urna per Palermo è prevista per le 13.00. Le suore dell’istituto salesiano hanno organizzato  una veglia di preghiera (venerdì 15) e una mostra dedicata alla vita di San Giovanni Bosco (venerdì 15 e sabato 16).

foto

San Giovanni Bosco in peregrinatio

SAN MARCO D’ALUNZIO – Inaugurazione “GADAM, galleria d’Arte Antonino Meli” e il “Kilometro della cultura”


GADAM-immagine

 

Saranno inaugurati, domenica 10 novembre 2013 a San Marco d’Alunzio (ME), la GADAM (Galleria d’Arte Antonino Meli) e il “Kilometro della cultura”, due importanti iniziative che rientrano nel nuovo piano per lo sviluppo economico del comune nebroideo. I due eventi collaterali inizieranno alle ore 16:30 all’inizio di Via Aluntina.

La nuova GADAM, ospitata nello storico palazzo di Casa Meli, abitazione dello scrittore Antonino Meli, ha il preciso impegno di riprendere e far ripartire un periodo artistico e culturale che, a San Marco d’Alunzio e nei paesi limitrofi, manca da tempo. La GADAM ha anche il compito di spingere il comune di San Marco d’Alunzio a imporsi nel corso dei prossimi anni come una delle mete culturali più importanti della costa settentrionale siciliana. La GADAM sarà un luogo di espressione del libero pensiero, dove ognuno potrà riconoscersi e farsi conoscere; un luogo che sarà in grado di comunicare le culture di tutto il mondo, stimolare il dialogo e il confronto, promuovere il pensiero critico e proporre eventi di interesse culturale contemporaneo e anticipare le tendenze future. Le collezioni saranno il cuore della Galleria d’Arte Antonino Meli, in un ambiente accogliente e moderno per il pubblico più eterogeneo possibile. Attraverso le raccolte artistiche, la GADAM diventerà uno spazio in cui si troveranno le opere dei più importanti artisti italiani e stranieri insieme ai lavori dei giovani creativi, che troveranno un luogo stimolante e culturalmente attivo dove esporre le loro opere.

Il 10 novembre 2013, in occasione dell’inaugurazione, si svolgerà anche la mostra d’arte contemporanea “Transizione Permanente: dal riscatto oggettuale della ‘Popular Art’ all’obliquo ritorno della figurazione”, che si concluderà il 15 dicembre 2013.

La GADAM rientra nella riorganizzazione strategica dei luoghi della cultura di San Marco d’Alunzio e farà parte anche del nuovissimo e innovativo percorso che attraverserà le vie del comune del Parco dei Nebrodi: il “Kilometro della cultura”, che sarà inaugurato sempre domenica 10 novembre 2013 alle ore 16:30. Questa promenade, unica nella costa settentrionale siciliana, avrà il compito di guidare i turisti nella scelta dei luoghi da visitare a San Marco d’Alunzio, come i musei, i palazzi storici e le Chiese, oltre che a mostrare visivamente e immediatamente tutte le attrazioni presenti sul territorio aluntino, quali percorso della salute, punti panoramici con vista Isole Eolie, luoghi dove ristorarsi, riposare o fare shopping. Attraverso degli adesivi di tre diversi colori, posizionati lungo la strada, verrà indicato il tipo di percorso suggerito (Arte e Cultura; Natura, Sport e Benessere; Servizi, Negozi, Bar e Ristoranti). Il “Kilometro della cultura” parte da Aracoeli e percorre tutto il centro storico. San Marco d’Alunzio vuole costruire una cittadina che possa stimolare il confronto culturale e creativo e influenzare, nel lungo periodo, la cultura siciliana, la società civile e la formazione degli attori del cambiamento sul territorio.

Clicca qui per scaricare l’invito: invito GADAM

UCRIA – Nasce “Il mercatino ucriese”, iniziativa volta alla valorizzazione del piccolo centro montano


C:UsersMariaDesktopIL MERCATINO UCRIESEil mercatino ucriese

In esclusiva, per la prima volta, nel paese di Ucria, paese montano in provincia di Messina, verrà organizzata la prima edizione del ”Il Mercatino Ucriese”. Il mercatino ucriese nasce dalla volontà di giovani ragazze appoggiate da entusiasti sostenitori, per mettere a disposizione le piazze ucriesi a coloro che hanno la passione dell’inventiva e del creare ed anche a coloro che si vogliono staccare della monotonia quotidiana, trascorrendo una giornata di relax e di divertimento.

Il MERCATINO UCRIESE non è il solito mercatino ma… QUALCOSA DI PIU’.

– E’ un mercatino CULTURALE;
- è un mercatino ARTISTICO;
- è un mercatino MUSICALE;
- è un mercatino della “CUCINA DELLA NONNA”;
- è un mercatino ARTIGIANALE;
- è un mercatino a CHILOMETRI ZERO;
ma soprattutto è un mercatino ORIGINALE, e perfetto per le vostre DOMENICHE ALTERNATIVE.

Le bancarelle che si sono proposte sono di molteplici varietà di mercanzie per prodotti tipici, lavori artigianali, prodotti bio, idee regalo, hobbistica e oggettistica, con una coreografia di artisti vari, accompagnata da una scenografia naturalistica presente nel paese di Ucria. Non mancheranno le degustazioni dei prodotti tipici siciliani e nello stand del Comitato troverete la Degustazione  delle Caldarroste accompagnato da un buon vino e dal pane caldo “cunzato”. Tra i vari prodotti troverete le provole locali, salumi, la trasformazione della nocciola in paste reali, torroni, nocciolino, le marmellate dei frutti locali, (mele, pere, castagne, fichi, more, ciliegie), e molte, molte altre leccornie. La nostra iniziativa non si ferma solo alla semplice esposizione di prodotti artigianali, ma anche alla volontà e speranza di incrementare il turismo, permettere, ai visitatori, di poter usufruire delle nostre guide turistiche, per conoscere ed apprezzare il centro storico del paese con le dovute ed accurate spiegazioni. Il territorio offre diversi itinerari, che variano tra il centro storico del paese e il paesaggio naturalistico che lo circonda. I paesaggi naturalistici, offrono delle rilassanti e piacevoli passeggiate immerse nella natura.

Itinerari: MONTE CUCULO; MONTE CASTELLO; LA ROCCA DI SAN MARCO; PUDARA’; PIANO CAMPO; IL PARCO URBANO (LA PINETA). Per quanto riguarda il centro storico, si potranno visitare le varie chiese e i vari palazzi padronali, attraverso percorsi caratteristici. Ringraziamo anticipatamente tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione DELLA PRIMA EDIZIONE DEL “MERCATINO UCRIESE”.

 

COMITATO PRO MERCATINO UCRIESE:

e-mail:mercatinoucriese@gmail.com

Per info e contatti: JESSICA: 3284653993; SERENA: 3897620079; MARIA:3920819598; PEPPINO: 3284180424.

Ci trovate anche su:

FACEBOOK; TWITTER; GOOGLE PLUS.

http://siciliainfesta.com/fiere_e_mercatini/mercatino_ucriese_ucria

http://www.festepopolarisagrefiere.it/new/?event=mercatino-ucriese

SANT’AGATA MILITELLO – Presentazione del libro “La Rivoluzione libica di Farid Adly” (9 novembre 2013)


1381186_657581987606462_1419574168_n

“Un testo corale che porta alla luce, le tante vittime della guerra,le donne,madri,sorelle, figli; gli intellettuali dissidenti costretti a vivere all’estero.; i giovani, frustrati ed impossibilitati dal regime ad esprimersi……”

MILITELLO ROSMARINO – “La Scocca” e i “Senzapinzeri” aprono con “’A famigghia Cimmiciolla” la stagione culturale d’autunno a Castell’Umberto


SAM_0368

Con “‘A famigghia Cimmiciolla” commedia brillante in due atti di Giovanni Allotta presentata lo scorso 12 ottobre nei locali del Cineforum dall’associazione “Senzapinzeri” di Capo d’Orlando e dalla Scocca di Militello Rosmarino per la parte musicale, che il Comune umbertino ha aperto l’atteso cartellone autunnale. “In pieno accordo con il sindaco Vincenzo Lionetto – ci dice il dott. Giuseppe Musarra assessore alla cultura – abbiamo pensato, giacché ancora in itinere – ad un programma di manifestazioni ed eventi culturali la cui conclusione dovrebbe coincidere con le festività natalizie 2013. Il pienone del Cineforum di questa sera, soggiunge l’esponente politico, mi incoraggia ad accelerare i tempi per l’allestimento del cartellone a partire, proprio, dal “6° Palio di S. Martino” il 9 e 10 novembre, a seguire non mancheranno gli spettacoli musicali, teatrali, letterari, quelli per bambini, le feste religiose e tanto altro ancora. Insomma ce n’è sarà per soddisfare tutti i palati

La trama della commedia che ha divertito il pubblico del Cineforum, presentava  una famiglia assai scombinata  “i Cimmiciolla” con un capo, Cornelio, ignorante ma con velleità artistiche tanto da credersi persino un grande poeta ma deluso per la consorte Concetta e la figlia Carmela  terribilmente brutte. Per colmo, come se non bastasse, una suocera fastidiosa (Zà Bastiana ) ed il fidanzato della figlia, scemo, (Vincenzino). Componevano il cast: (Maria Ravì, Angela Minciullo, Roberto e Giulia Natalotto, Carmelo Favazzi, Franca Genovese, Vincenzo Ferro ed Erminda Ardizzone); le musiche, come detto, tutte della tradizione siciliana, sono state curate dalla “Scocca” presieduta dalla prof.ssa Carolina Oddo: (Carmelo Artino, Calogero e Marco Piscitello, Francesco Guerrera, Saro Limoncella e con la partecipazione di Nino Vicario).

NINO VICARIO

 

ALCARA LI FUSI – L’amministrazione comunale aderisce al programma 6000 campanili


sindaco Vaneria

Anche il Comune di Alcara Li Fusi ha partecipato al programma 6000 campanili che mette a disposizione dei Comuni con una popolazione inferiore a 5 mila abitanti 100 milioni di euro da destinare alla costruzione di infrastrutture, costruzione o ristrutturazione di edifici pubblici e messa in sicurezza del territorio. E’ stato presentato stamattina il progetto per il completamento e la ristrutturazione dell’edificio progettato per ospitare il centro diurno per gli anziani; incompleto ed in stato di abbandono da qualche decennio a causa dell’esaurimento dei fondi di finanziamento. Adesso l’Ente conta di completare l’opera e ristrutturare le parti degradate dalle intemperie e dagli atti vandalici registratisi negli anni, facendone anche un fiore all’occhiello del risparmio energetico. Sul tetto del fabbricato è stato, infatti, prevista la realizzazione di un impianto fotovoltaico che a regime produrrà ben 30 kw di energia, con un notevole risparmio sul costo dell’energia elettrica ed una minore emissione di CO2 in atmosfera.

Dopo aver partecipato al cosiddetto “click-day”, per l’invio telematico tramite posta elettronica certificata delle istanze progettuali, non resta che auspicare l’utile immissione in graduatoria che possa consentire di completare un’opera lungamente attesa da tutta la cittadinanza. Il Sindaco, Nicola Vaneria, si dichiara fiducioso che tale opera possa essere finanziata al fine di poter garantire un ulteriore spazio di incontro e di aggregazione tra i giovani e gli anziani per cementare ancora di più i legami con il nostro territorio, la sua storia e le sue plurisecolari tradizioni.

Il Sindaco dott. Nicola Vaneria

MONTALBANO ELICONA – Consegnata dal Prefetto Stefano Trotta l’onorificenza di Ufficiale della Repubblica al maresciallo in pensione della Guardia di Finanza Giuseppe Sturniolo‏


1379588_10201658438414249_1265141992_n

Il castello federiciano di Montalbano Elicona ha fatto da cornice alla consegna delle “Onorificenze al merito della Repubblica” e dei “Brevetti al merito del lavoro“. Dopo i saluti del sindaco, Filippo Taranto, il consigliere comunale Giuseppe Pantano ha raccontato il fascino e la magia del castello e del borgo medievale. Nella cerimonia, presentata dalla giornalista Gisella Ciccio, consegnate otto onorificenze al merito della Repubblica, un attribuzione distintiva che premia chi, nella propria funzione e a prescindere dal livello gerarchico, si sia distinto nell’impegno per la costruzione di una società migliore. 

I premiati: Generale di Corpo d’armata, Daniele Cipriano (Cavaliere di Gran Croce), comandante in seconda della Guardia di Finanza, accompagnato dall’assessore ai lavori pubblici del comune di Taormina Enzo Scibilia; dott. Francesco La Camera (Ufficiale), direttore generale affari generali del personale del Ministero dell’ambiente e tutela del territorio, accompagnato dal Presidente del Consiglio comunale di Santa Lucia del MelaDSC_0374 Emanuele Impalà; maresciallo, in pensione capo Giuseppe Sturniolo (Ufficiale), in pensione della Guardia di Finanza, accompagnato dall’assessore al bilancio del comune di Sant’Agata  Militello Marco Vicari; ispettore superiore di pubblica sicurezza sostituto commissario Nunzio Ferrante (Cavaliere), accompagnato dall’on. Marcello Greco; dott. Carmelo Gugliotta (Cavaliere), questore di Messina; appuntato scelto Michele Lauro (Cavaliere), addetto al nucleo operativo pronto impiego presso la Gdf di Reggio Calabrie; Fiorenzo Giuseppe Puglisi (Cavaliere), funzionario comunale a riposo del comune di Messina; Domenica Semerano (Cavaliere), capo nucleo pattugliatore “Bettiga”, base navale di Augusta.

Il Prefetto Stefano Trotta, commosso nel consegnare le onorificenze, ha ricordato come 34 anni fa aveva iniziato il corso di commissario al questore Gugliotta, pure lui emozionato, compagni del 164′ corso. “Siamo qui – ha detto il prefetto – per testimoniare che lo Stato c’è, che siamo vivi, per dire alla cittadinanza che siamo al vostro servizio e cerchiamo di mettercela tutta nonostante le grandi difficoltà odierne“. Infine, sono state consegnati i brevetti al merito de lavoro con l’introduzione di Calogero Cannarozzo, console della federazione maestri del lavoro d’Italia. La distinzione onorifica è stata consegnata ad Andrea Cipriano, accompagnato dal vice Sindaco di Capo d’orlando Aldo Sergio Leggio, a Giuseppe Lo Criti, accompagnato dal vice sindaco del comune di Barcellona Giuseppe Saija, a Pasquale Nastasi accompagnato dal sindaco di Gioiosa Marea Eduardo Spinella, a Gianfranco Raneri, Nicol; Salvo e Maurizio Branca. Infine un momento musicale a cura degli allievi del conservatorio “Arcangelo Corelli” di Messina.   

dalla Gazzetta del Sud, articolo di Nino Todaro

SANT’AGATA MILITELLO – “Food and fashion” (26 ottobre 2013)


1381783_10201425463576535_919583142_n

UCRIA – Consegnato alloggio popolare ai coniugi Ricciardi


I coniugi Ricciardi e il Sindaco Lembo

Il Sindaco Dott. Giuseppe Lembo, stamane negli uffici comunali alla presenza di alcuni amministratori e un folto gruppo di impiegati, nel corso di una brevissima e sobria cerimonia ha consegnato ai coniugi Ricciardi Giuseppe, non vedente e Biundo Antonina, le chiavi di un alloggio sito in C.da Vasile di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Messina. Brevemente ha ringraziato l’Istituto Autonomo Case Popolari di Messina per la preziosa disponibilità e collaborazione, manifestando soddisfazione per l’obbiettivo raggiunto, per altro indicato in campagna elettorale, che ben si inserisce nelle linee programmatiche di questa amministrazione particolarmente vicina ai bisogni ed alle esigenze dei soggetti deboli e dei giovani.

                                                                                                                                   Ufficio Stampa 

Ucria – XVII Mostra & Sagra dei funghi (26 ottobre 2013)


Locandina Sagra del Funghi Ucria

Sabato 26 ottobre, ritorna il colorito e gustoso appuntamento di inizio autunno con la Sagra dei Funghi di Ucria, quest’anno alla diciottesima edizione. La manifestazione è organizzata dall’Associazione Micologica “P. Bernardino” di Ucria con il patrocinio del  Comune e con il sostegno delle altre associazioni presenti in paese. Gli organizzatori sono alle prese con gli ultimi dettagli di una ricca programmazione, mentre è frenetico il lavoro della macchina dell’accoglienza per assicurare ottima ospitalità ai numerosi turisti che, come sempre, animeranno la kermesse autunnale ucriese.

La sagra offre la possibilità di degustare i funghi e non solo presso gli attrezzatissimi stand che saranno allestiti nella centralissima piazza Padre Bernardino. L’offerta gastronomica, che vede come protagonisti indiscussi i prodotti del sottobosco, si completerà con i prodotti tipici dei nebrodi. Altro piatto forte dell’offerta sarà costituito dalle tante escursioni che si potranno effettuare in ambienti naturalistici di rara bellezza, per osservare da vicino la flora e la fauna dell’area nebroidea. Oltre alle escursioni i visitatori potranno ammirare le bellezze storiche ed architettoniche del centro storico di Ucria, con le sue tante chiese le piazzette ed i vicoli ricchi di fascino, dove il tempo sembra essersi fermato. A completare il tutto ci saranno momenti di spettacoli, gli spazi culturali, con la presentazione di libri e l’allestimento di interessanti mostre, e la possibilità di visitare il Polo Museale di Ucria.

                                                                                                                                   Ufficio Stampa 

SANTUARIO DEL TINDARI: “Dall’assistenza alla promozione”: le nuove sfide del volontariato; primo convegno zonale dell’Avulss (26 ottobre 2013)


0609

“Dall’assistenza alla promozione”: le nuove sfide del volontariato

Sabato 26 ottobre, dalle ore 9.30 e dalle 15.00 presso il Santuario della Madonna del Tindari (Suore Speranzine)

L’associazione di volontariato socio-sanitario Avulss – Delegazione zonale Sicilia 01 organizza un primo Convegno zonale sul tema “Dall’assistenza alla promozione” sabato 26 ottobre, presso il Santuario della Madonna del Tindari, in provincia di Messina, con il sostegno e la collaborazione del Cesv – Centro Servizi per il Volontariato di Messina, dalle 9.30 e dalle 15.00. Obiettivo di questo primo convegno zonale, oltre che favorire l’incontro e lo scambio tra volontari, è quello di far affiorare la promozione e la rivalutazione dei valori fondanti  dell’essere volontari, prendendo spunto dalla Carta del Volontario. Nel volontariato socio-sanitario, che pone al centro la persona, si percepisce l’esigenza, e da qui la scelta del convegno, di riflettere sul superamento delle forme di servizio tradizionale e di ipotizzare nuove opportunità di servizio, sempre nel rispetto dei valori del volontariato.

Dopo i saluti dei rappresentanti delle Federazioni Avulss e del presidente del Cesv Messina, Santi Mondello, presenta il convegno la dottoressa Simona Romano, delegata zonale Avulss e consigliere nazionale. Seguono gli interventi, dalle 10.00, di don Ciro Versaci (“L’arte di prendersi cura”), del docente universitario e assessore alle Politiche sociali del Comune di Messina Antonino Mantineo (“Forme di collaborazione tra enti e volontariato per favorire la promozione della persona”), del dottor Rosario Ceraolo, direttore del Cesv Messina, su “Nuovi tempi, nuovi servizi, nuove opportunità”. Segue il dibattito alle 11.45 e alle 12.30 l’intervento della professoressa Melina Crifò, presidente e responsabile culturale zonale Avulss, sul tema “I valori Avulss tra promozione, comunione e testimonianza”. Dopo la pausa pranzo, si ricomincia alle 15.00 con testimonianze e progetti a cura delle Federazioni Avulss sul tema del convegno, Alle 17.00 è prevista la celebrazione eucaristica al Santuario della Madonna del Tindari.

Marco Olivieri, addetto stampa del Cesv Messina, 329 2667056, 347 7978283, ufficiostampa@cesvmessina.it, www.comunitasolidali.org.

Messina, 21 ottobre 2013

UCRIA – Eletti i membri del direttivo della consulta giovanile


Nici, Ricciardi, Scalisi, Contiguglia

Si è riunita ieri pomeriggio alla presenza del Vicesindaco e assessore alle Politiche Giovanili Rosario Scalisi e del consigliere comunale Nino Rigoli l’assemblea degli iscritti alla consulta giovanile. Carmelo Ricciardi è il neo presidente, Vicepresidente Luca Contiguglia, Segretario Silvia Nici. Tutti eletti all’unanimità. “L’amministrazione comunale è soddisfatta di essere riuscita a concludere l’iter di rinnovo  della consulta giovanile che tanto tempo e tanta energia ha richiesto agli uffici preposti – ha dichiarato l’assessore alle politiche giovanili, Rosario Scalisi – auguro buon lavoro ai membri della consulta, ai componenti del neo costituito ufficio di presidenza e – continua Scalisi – spero che adesso i giovani come hanno fatto in passato riescano a dimostrare al paese buona volontà, iniziativa, fantasia e spirito propositivo. Ricordo che la consulta e’ sempre aperta alla partecipazione di nuove ed altre realtà giovanili. L’amministrazione – conclude l’assessore – ribadisce l’impegno a stare accanto ai giovani e ad affrontare con loro le iniziative che li riguardano e quelle che volessero proporre a favore di tutta la comunità”. Sono felice per l’incarico ricevuto, ha esordito il neo-presidente, Carmelo Ricciardi, questo mi da la possibilità di fornire un contributo concreto alla mio paese attraverso le idee, le proposte e le analisi che saranno partorite in seno alla Consulta Giovanile e che mi auguro diano il la a iniziative concrete per i giovani di tipo culturale, sportivo e sociale.

                                                                                                                        Ufficio Stampa 

MILITELLO ROSMARINO – Convenzione tra Comune e Azienda foreste demaniali per la manutenzione aree verdi pubbliche e altri siti


Scorcio militellese visto dal castello

E’ di qualche giorno la notizia che tra il Comune di Militello Rosmarino rappresentato per l’occasione dall’assessore Peppe Restifo e l’Azienda foreste demaniali nella persona dell’arch. Giuseppe Aveni, è stata sottoscritta una convenzione annuale per la manutenzione delle aree verdi pubbliche e di altri siti di propria pertinenza, sulla base della legge regionale n. 9 del 15 maggio 2013. L’accordo  disciplina in modo particolare il rapporto di servizio tra i due Enti e che si intenderà richiamato ogni qualvolta verrà richiesto ed attivato, fermo restando la copertura del fabbisogno finanziario che deve essere preventivamente accertata dall’Azienda foreste che utilizzerà fondi di specifici capitoli inseriti nel bilancio della Regione siciliana. La convenzione prevede, inoltre, che gli oneri derivanti  dal trasporto e conferimento in discarica dei rifiuti prodotti dalla falciatura e potatura saranno a carico del comune di Militello così come i costi di esercizio delle attrezzature. Mentre per quanto riguarda i lavori che la Forestale effettuerà per conto del Comune consisteranno nella manutenzione, cura e pulizia delle aree verdi pubbliche e soprattutto delle quattro sorgenti acquifere (Acquafredda, Nespolera, Tavastro e Faidella) e delle principali strade di collegamento alle contrade. Quanto agli oneri derivanti dal rapporto di lavoro che per gli obblighi previdenziali ed assicurativi del personale utilizzato, questi rimarranno a carico dell’Azienda foreste. Da noi sentito, il sindaco Lo Re si è detto soddisfatto dell’accordo sottoscritto dall’assessore Peppe Restifo che, nelle more della realizzazione del progetto “pulizia aree verdi”,  il primo cittadino auspica che altre iniziative di largo respiro  possano  intervenire affinché Militello possa avere un posto di riguardo nell’offerta turistica e culturale.

NINO VICARIO

SANT’AGATA MILITELLO – Nota del Presidente del Consiglio comunale Antonio Scurria sul nuovo PTA di Sant’Agata Militello


scurria-legge-discorso

Riceviamo e pubblichiamo integralmente una nota a firma del Presidente del Consiglio comunale di Sant’Agata Militello, Antonio Scurria.

Da qualche giorno è finalmente operativo il nuovo PTA, presidio territoriale di assistenza, di Sant’Agata Militello. Come si apprende dalla stampa, gli ambulatori sinora sistemati in altro immobile saranno trasferiti nei locali ristrutturati del vecchio ospedale. A destare più di una perplessità è, però, la previsione aziendale di allocare al piano terreno della nuova struttura alcuni uffici amministrativi attualmente situati nella attigua via Catania. Sul punto si rappresenta che appare più utile, ad avviso dello scrivente, destinare la nuova struttura, così come rappresentato anche dal segretario zonale della Cisl, esclusivamente a “fini di assistenza sanitaria” in senso stretto, con conseguente possibilità di decongestionamento anche di alcuni reparti ospedalieri. Di contro, gli uffici amministrativi dovrebbero rimanere nel plesso di via Catania, peraltro di proprietà dell’Ausl.

Tenuto conto dell’importanza della questione, si ritiene che il Consiglio Comunale possa e debba esprimere una posizione in merito ad un tema che potrebbe incidere in maniera rilevante su qualità e quantità dei servizi offerti al cittadino. E’, pertanto, intenzione dello scrivente, sentiti i capigruppo consiliari, inserire un apposito punto all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale per discutere delle problematiche connesse all’apertura nuovo PTA.

GALATI MAMERTINO – Intitolazione dell’aula consiliare a Salvatore Carnevale (sindacalista assassinato dalla mafia)


Sullo sfondo la foto di Salvatore Carnevale

Sullo sfondo dell’aula consiliare il quadro di Salvatore Carnevale, in basso il vicesindaco di Sciara, dott. Di Novo

L’interessante iniziativa, promossa dall’Amministrazione comunale  guidata dal dott. Bruno Natale, in collaborazione con il Circolo “Monti Nerbrodi” del Partito Socialista dei Siciliani presieduto dal prof. Alfonso Fratacci e alla presenza del dott. Cruciano Di Novo vicesindaco del comune di  Sciara, domenica 13 ottobre alla presenza di un folto pubblico e di numerosi ospiti, l’aula consiliare è stata intitolata a Salvatore Carnevale (Galati Mamertino 23/9/1923 – Sciara (Pa) 16/5/1955), un sindacalista scomodo al punto che “qualcuno” ha pensato di farlo assassinare. Infatti – brevemente ricordiamo – che “Turi” Carnevale nell’ultimo anno della sua intensa attività sindacale ricopriva la carica di segretario della “Lega dei lavoratori edili” di Sciara. Tre giorni prima che la sua giovane vita (31 anni) venisse trucidata era riuscito ad ottenere le paghe arretrate dei suoi compagni e il rispetto della giornata lavorativa di otto ore: era l’alba del 16 maggio 1955. “Galati – ha detto tra l’altro il sindaco – con l’intitolazione dell’aula consiliare a Turi Carnevale, può con orgoglio vantare che d’ora in avanti, tra i personaggi che rimangono nella memoria di tutti i galatesi, c’è anche il  nome di un giovane sindacalista conosciuto in tutt’Italia martire per mano della mafia”.  Gli fa eco il prof. Fratacci che, rivolgendosi ai presenti, tra l’altro soggiunge: “Come circolo PsdS Monti Nebrodi, con la manifestazione di oggi abbiamo inteso modulare la nostra azione in quella più ampia siciliana tesa a restituire spessore, prospettiva e senso dell’azione di una figura – tra le altre – del sindacalismo socialista qual è stato Salvatore Carnevale”. Lo stesso segretario, quindi, presenta Vincenzo Liarda (responsabile Cgil area Madonie che introduce, alla presenza dell’autore il giornalista Nino Amadore, il volume “I sovversivi” (ediz. Laterza).

L’autore, infatti, nel libro prova ad instillare nel lettore-cittadino la voglia di sognare, affinché  nessuno voglia imbeccarci sul fatto che il parassitismo mafioso, la rendita sporca del malaffare, la logica bieca dei raggiri, sia scambiata per la vita vera. Quindi sprona ad avere fiducia e ripartire da ciò che di buono c’è. “Le organizzazioni sono presenti dappertutto – questo il senso del  messaggio che l’autore  vuole lanciare con “I Sovversivi” – e partendo da questa convinzione voglio raccontare in controluce, attraverso le storie di persone che si battono per una vita normale, le difficoltà che si incontrano. Ci troviamo di fronte ad un paradigma di regole infrante, ad una destrutturazione di norme che si interpretano e si rompono, non avendo così più un senso. Bisogna combattere una cultura deviata, quella secondo cui non vale la pena di battersi per qualcosa”. Poi è la volta dell’intervento di Salvatore Granata, dirigente Legambiente Sicilia, che parla delle battaglie portate avanti dall’associazione ambientale e delle difficoltà incontrate sul cammino del rispetto della natura che, con perseveranza, prima superate, poi vinte.

La manifestazione di Galati, moderata con puntuali ed acute osservazioni dal prof. Fabio Cannizzaro, è servita anche quale occasione alla Fondazione socialista antimafia “C. Battaglia” di assegnare ex-aequo al dott. Nino Amadore e al prof. Antonio Baglio il “1. Premio Salvatore Carnevale”. A consegnarlo è stato il suo presidente avv. Antonio Matasso con le seguenti motivazioni: “A Nino Amadore per il costante impegno culturale contro la barbarie mafiosa e la scrupolosa ricostruzione giornalistica dei crimini di Cosa nostra”.  Così quella ad Antonio Baglio, docente universitario: “Per il suo contributo autorevole alla ricerca sulla lotta alla mafia promossa dal sindacalismo socialista”.

NINO VICARIO

 

MILITELLO ROSMARINO- Il sindaco Calogero Lo Re è il nuovo presidente della costituita SRR “Messina provincia” composta da 57 Comuni


Avv. Calogero Lo Re (uscente) militello

La notizia, riportata dalla stampa ufficiale, ha fatto rapidamente il giro del centro montano dove è stata accolta con soddisfazione dai cittadini per il prestigioso incarico conferito al loro sindaco. Diciamo che della costituita SRR (Società regolamentazione del servizio di gestione rifiuti) la cui sede operativa è a S. Agata Militello, fanno parte 57 comuni che vanno da Tusa a Mazzarrà S. Andrea, cinque i sindaci che compongono il Consiglio d’amministrazione presieduto come detto da Calogero Lo Re, dal quale riceviamo e riportiamo nel nostro servizio il suo primo comunicato.

“La questione RSU (Rifiuti solidi urbani) – così l’avv. Calogero Lo Re – nel nuovo ambito territoriale della Srr Messina provincia, affinché possa essere percepita dal cittadino-utente in maniera diversa e moderna, deve essere affrontata da tutti coloro i quali hanno sia un ruolo diretto che indiretto in materia, con atteggiamento profondamente innovativo, responsabile e credibile. Al fine di evitare sterili ed inutili polemiche, ritengo doveroso esporre alcune considerazioni di carattere generale sia sui compiti istituzionali attribuiti alle Srr dalla legislazione vigente, sia con riferimento allo spirito con il quale il Cda, che ho l’onore di presiedere, intende intraprendere la propria azione”.

Così continua Lo Re: “La legge regionale n. 9/2010 attribuisce in primo luogo alla Srr compiti di carattere generale, come la regolamentazione e il controllo del servizio nell’ambito territoriale di competenza, onde garantirne l’efficienza e l’equilibrio economico e finanziario della gestione. Per grandi linee, cioè il compito delle Srr, consiste nell’adozione del Piano d’ambito e del relativo Piano economico-finanziario di supporto, nonché nella realizzazione degli impianti di trattamento dei Rsu, al fine di armonizzare e rendere virtuoso il ciclo dei rifiuti, determinando una notevole riduzione dei costi divenuti insostenibili per gli utenti. Le Srr, quindi non hanno alcuna competenza diretta circa il servizio di raccolta dei Rsu, temporaneamente affidato ai singoli sindaci e, successivamente, alle costituende ARO (Ambito rifiuti ottimale)”.

In conclusione, così il presidente Lo Re: “Il Consiglio d’amministrazione della nostra Srr, che ho l’onore di presiedere, intende dar vita ad un nuovo corso del ciclo dei rifiuti, dando un taglio netto con il passato, trasformando i rifiuti stessi da una piaga ad una eccezionale

fonte di sviluppo socio-economico per il nostro territorio. Ciò sarà possibile, però, solo attraverso la leale collaborazione tra le forze in campo, evitando inutili protagonismi e sterili contrapposizioni, che potrebbero determinare un pericoloso e dannoso passo indietro, soprattutto nel concetto che oggi il cittadino ha dei rifiuti e dei relativi impianti di smaltimento, che nel resto del mondo rappresentano una inesauribile fonte di ricchezza, nel pieno rispetto dell’ambiente e della vita”.

Fin qui l’avv. Lo Re, cui rivolgiamo l’augurio di buon lavoro, speranzosi che quanto prima l’annoso e bubbonico problema-rifiuti nella nostra provincia venga – com’è nelle sane intenzioni dei cinque sindaci che compongono l’organismo amministrativo Srr – definitivamente aggredito prima e risolto subito dopo.

Nino Vicario

SANT’AGATA MILITELLO – Festa Democratica organizzata da Pd e Megafono (programma)


528284_706086949420277_1279945736_n

Il Circolo Pd di Sant’Agata M.llo ed il circolo Il Megafono Sant’Agata Militello-Nebrodi, organizzano la Festa Democratica Sant’Agata-Nebrodi che si terrà sabato 12 e domenica 13, p.v., a partire dalle ore 17.00, presso il Castelo Gallego. Ecco il programma: 

SABATO 12 OTTOBRE

Ore 17,00 – Sale del Castello - Inaugurazione e Saluti:
– Carmelo Sottile – Sindaco di Sant’Agata Militello;
- On. Giuseppe Lupo – Segretario Regionale Partito Democratico;
- On. Antonio Malafarina – Deputato Regionale Megafono;
- Vincenzo Canonico – Coordinatore PD S. Agata Militello;
- Michele Fallo – Coordinatore Circolo Megafono S. Agata Militello;

Ore 17,30 – Sale del Castello - Inaugurazione Mostre

- “Per ricordare Pio La Torre e Rosario Di Salvo” a cura del “Centro Studi Pio La Torre”

- “Nebrodi tra storia ed arte” a cura di Rita Fachile

Ore 18,00 – Cortile del Castello - FORUM: “Imprenditoria e occupazione giovanile – il ruolo della formazione e dei beni culturali della Sicilia”. Contributi ed esperienze di giovani imprenditori locali ed esperti del settore. Partecipano al Forum:
• Nelli Scilabra – Assessore Regionale alla Formazione;
• Maria Rita Sgarlata – Assessore Regionale ai Beni Culturali;
• Silvio Ontario – Presidente Giovani Imprenditori Confindustria Sicilia;
• On. Francesco Calanna – Commissario Straordinario ESA;
• On. Giambattista Coltraro – deputato regionale;

Moderatore Valentina Carcione

Ore 19,30 – Sala del Castello - TEMA: “Partecipazione, concertazione e Legalità per la crescita e lo sviluppo dei Nebrodi”. Intervengono i sindaci:

• Francesco Re – Sindaco di Santo Stefano di Camastra;
• Salvo Messina – Sindaco di Brolo;
• Calogero Lo Re – Sindaco di Militello Rosmarino;
• Sandro Lazzara – Sindaco di Longi;
• Salvatore Castrovinci – Sindaco di Torrenova;
• Bruno Natale – Sindaco di Galati Mamertino;
• Ciro Gallo – Sindaco di Acquedolci;
• Basilio Ridolfo – Sindaco di Ficarra – Presidente Anci Piccoli Comuni;

A seguire FORUM con:

• Vito Lo Monaco – Presidente Centro Studi Pio La Torre;
• On. Sonia Alfano – Presidente Commissione Speciale Europea CRIM;
• On. Antonio Malafarina – Deputato regionale;
• Sen. Beppe Lumia – Commissione Parlamentare Antimafia;

Moderatore Paolo Starvaggi

Ore 22,00
Spettacolo Musicale - “JUMP START ( Musica Rock/Blues)”

DOMENICA 13 OTTOBRE

Ore 11,30
FORUM: “Esponenti PD e Megafono dei Nebrodi a confronto per una politica al servizio dei cittadini”. Partecipano rappresentanti dei coordinamenti cittadini dei nebrodi. Moderatore Saro Parisi

Ore 17,00
FORUM: “Opere pubbliche e tutela dell’ambiente per uno sviluppo sostenibile”
Partecipano:
• Mariella Lo Bello Assessore Regionale territorio e Ambiente;
• Nino Bartolotta Assessore Regionale alle infrastrutture;
• On. Filippo Panarello deputato regionale;
• On. Gianfranco Vullo deputato regionale;
• Giuseppe Antoci – Presidente Parco dei Nebrodi;

Moderatore Carlo Giuffrè

Ore 18,30
FORUM: “PD e Megafono” – Insieme la rivoluzione da sogno a realtà
• L’esperienza delle amministrative di Sant’Agata Militello:
Intervengono:
• Paolo Starvaggi – Vice Presidente Commissione Provinciale di garanzia PD;
• Calogero Maniaci – Capo Gruppo Megafono consiglio comunale di S. Agata Militello;
• Nicola Marchese – Capo Gruppo PD consiglio comunale di S. Agata Militello;

Conclusioni:
• On. Giuseppe Laccoto – Deputato regionale;
• On. Davide Faraone – Deputato Nazionale;
• Sen. Corradino Mineo;
• On. Rosario Crocetta – Presidente della Regione Siciliana;

Ore 20,00 – Cortile del Castello

Spettacolo di Marionette “L’omu curaggiusu – Vita e Morte di Pio la Torre. Testo di Vincenzo Consolo. Compagnia Marionettistica Popolare Siciliana. Nei due giorni della Festa in Piazza Castello, saranno predisposti Stand dedicati a: Cibo di Strada, Libreria, Ceramiche, Enoteca, Risotteria, Prodotti tipici locali, Mostra Micologica e del Territorio dei Nebrodi.

Al Via l’inaugurazione del “Trekking del Santo” da Adrano ad Alcara Li Fusi (sabato 12 e domenica 13 ottobre 2013)


copertina

L’occasione è quella di inaugurare fisicamente “Il TREKKING DEL SANTO I passi del Cammino Etna-Nebrodi di San Nicolò Politi” l’itinerario escursionistico che ha aperto in Sicilia la cultura delle Vie Sacre. Questo itinerario ripercorre passo dopo passo, il pellegrinaggio del Santo Eremita, Nicolò Politi, nato ad Adrano nel 1117 e che all’età di 17 anni decise di cercare pace e vocazione fuggendo dalla famiglia per vivere in solitudine dapprima in una grotta sull’Etna e dopo qualche anno, a seguito di un lungo cammino rivelatore, stabilendosi nella Valle del Calanna ovvero nel paesino di Alcara Li Fusi sui Nebrodi. Grazie ad una idea ed al lavoro della Guida AIGAE Attilio Caldarera dell’associazione Vai col Trekking, questo itinerario è stato tracciato e divulgato su internet e attraverso dei depliant in distribuzione per quanti volessero compierlo con zaino in spalla, scarponcini ai piedi e con tante suggestioni da scoprire. L’itinerario è stato presentato il 4 agosto ad Alcara Li Fusi u.s. alla presenza del Sindaco Nicola Vaneria, della sua Amministrazione e dei componenti del Comitato alcarese di San Nicolò Politi. Il percorso è lungo 65 chilometri circa, e si svolge in tre giornate di trekking, attraversa scenari naturali siti tra il Parco dell’Etna e quello dei Nebrodi e dove, passaggi obbligati pieni di storia e mito, si ritrovano i luoghi storici dove San Nicolò condusse parte della sua beata vita.

Sabato 12 e domenica 13 ottobre l’occasione speciale è affidata proprio all’Amministrazione Comunale alcarese che Sindaco in testa, assessori, consiglieri e con una nutrita rappresentanza dei componenti del comitato di San Nicolò Politi col suo Presidente Antonino Saccone, assieme alla Guida che ha ideato questo itinerario, percorreranno interamente a piedi circa 60 km di sentieri e strade partendo dall’Etna ed arrivando sui Nebrodi ad Alcara Li Fusi. Il percorso infatti parte dal Comune di Adrano, proprio dalla cosiddetta Grotta del Santo, dove Nicolò Politi visse in eremitaggio per tre anni. Da qui si attraversa il territorio del Parco dell’Etna, passando dalla casermetta di Piano dei Grilli nel territorio di Bronte per poi arrivare a sera a termine della prima tappa a Maniace nei pressi della Ducea di Nelson un tempo Abbazia Santa Maria di Maniace. Qui si dormirà sabato sera per poi ripartire la domenica verso i Nebrodi attraverso il territorio del bosco Barillà, Scafi e Mangalaviti. Ultimo tratto infine attraverso la Val Calanna passando dalla località Acqua Santa ed Eremo di San Nicolò Politi per arrivare in ultimo ad Alcara Li Fusi. Nei due giorni il gruppo di pellegrini/camminatori incontrerà anche i Sindaci che condividono i territori attraversati dal percorso. Previsti infatti appuntamenti con amministratori di Adrano, Bronte, Maniace e Longi. Per avere informazioni sul Trekking del Santo si può visitare il sito http://www.vaicoltrekking.com con l’apposita sezione dedicata a questo itinerario. Invece nella pubblicazione che è stata realizzata si trovano tutte le indicazioni sulle tappe del percorso, con tempi di percorrenza, distanze, dislivelli, ma anche con la segnalazione dei luoghi dove poter passare la notte e soprattutto i periodi consigliati per effettuare queste escursioni.

Il sindaco di Alcara Li Fusi, Nicola Vaneria, fiducioso che tale iniziativa può servire a far conoscere sempre più la figura del Santo Politi non vede l’ora di sperimentare lui stesso questa esperienza accompagnata dalla preghiera, in meditazione con se stessi e immersi nella natura che ci circonda. Il Comune di Alcara Li Fusi, dove il culto del Santo è sentito fortemente ed è stato più volte celebrato con importanti iniziative, ha condiviso questa nuova iniziativa importante per quanto riguarda il culto di San Nicolò Politi in un paese che vanta già eccellenze storiche e soprattutto ambientali all’attenzione dei circuiti del turismo naturalistico. Per citare alcuni di questi luoghi basti pensare agli scenari del Lago Maulazzo, specchio d’acqua immerso nella faggeta di Monte Soro, le dolomitiche Rocche del Crasto dove tra l’altro si ammirano gli avvoltoi grifone in volo, il sito di nidificazione e di volo di una coppia di aquile reali (anch’esse legate dalla leggenda al culto del Santo) e da tanti sentieri naturalistici/escursionistici. Il Trekking del Santo ci dice l’Assessore al Turismo Fabio Zaiti valorizzerà al meglio la promozione di questo suggestivo itinerario che è il primo in Sicilia ad aprire la tematica delle “vie sacre”. Lo stesso assessore si recherà nelle prossime settimane al salone nazionale dedicato agli Itinerari del Turismo religioso che si svolgerà a Foggia per presentare e far conoscere il Trekking del Santo.

Tutto pronto dunque per affrontare questo trekking inaugurato da questo gruppo, per tutti gli altri escursionisti i periodi consigliati sono la primavera e l’autunno sempre con l’attrezzatura da trekking adatta a questo tipo di esperienze in mezzo alla natura e con un buon allenamento fisico visti i tanti chilometri da percorrere giornalmente.

CAPO D’ORLANDO – Festeggiamenti per i vent’anni di presenza dell’Avis sul territorio orlandino


IMG_0037

Nel calore di un pallido sole autunnale, alle 9,30 di domenica 6 ottobre, l’area pedonale cittadina – dopo l’incontro istituzionale a Palazzo Europa col sindaco Enzo Sindoni  – si è  tinta di “rosso vermiglio”. A caratterizzare il fenomeno sono stati i labari delle delegazioni Avis provinciali convenute nella città del Capo per unirsi a Pippo Parrino e al suo staff (Daniela Cuticchia, Marco Rocca, Dario Giammellaro, Lando Faranda, Liborio Princiotta, Enrico Mazzone) ai festeggiamenti per i vent’anni di presenza Avisina sul territorio, presenza concreta volta a promuovere i principi della donazione del sangue, secondo il carisma del dott. Vittorio Formentano (Firenze 1895), ematologo, fondatore nel 1927 dell’Avis, un medico che ha avuto la capacità di promuovere e inculcare la cultura della donazione gratuita del sangue a chi non si conosce. “Ma gli Altri, amava dire Formentano, non siamo forse noi?”.

Alle ore 12 — subito dopo la Messa celebrata dal parroco don Nello Triscari che all’omelia rivolgendosi ai convenuti ha così, tra l’altro, espresso la sua riconoscenza: “Voglio ringraziarvi per aver scelto questo luogo sacro per festeggiare la vostra felice ricorrenza; grazie ancora per il lavoro e l’opera diuturna di concreto aiuto che mettete in atto in favore di quanti hanno bisogno”e la lettura della “Preghiera del Donatore” da parte del prof. Cono Messina —   nel salone “Cristo Re” si è tenuto un interessante convegno-dibattito sul tema: “Vent’anni di solidarietà sociale”; relatori la prof. Angela Vecchio, il dott. Gaetano Crisà e il prof. Pietro Mondia. Ha aperto la kermesse il saluto del presidente Pippo Parrino rivolto alle autorità presenti, alle delegazioni provinciali che vanno da Alì Terme a Castel di Lucio e allo storico donatore Franco Previte consigliere regionale e presidente dell’Avis comunale di Messina. Pippo Parrino, in conclusione pensando a Papa Francesco, ha così detto: “Desidero, a nome di tutti gli avisini,  portare a conoscenza di  Sua Santità Bergoglio che la nostra Avis è e rimane fuori dall’indifferenza generale”. Hanno preso quindi la parola, per un breve saluto, il presidente regionale dott. Salvatore Mandarà e il neo presidente provinciale dott. Andrea Pisacane. Al termine, un pranzo sociale in uno dei noti ristoranti della città paladina, ha concluso la felice ricorrenza.

Un importante traguardo, quindi, quello che si è concretizzato domenica a Capo d’Orlando nella vita della locale sezione comunale Avis, caratterizzato nel tempo dall’organizzazione delle raccolte periodiche e, soprattutto, dall’opera di sensibilizzazione della cittadinanza e in primo luogo le realtà scolastiche e giovanili.

UCRIA, approvata la convenzione per lo svolgimento in forma associata del servizio di segreteria comunale tra i Comuni di Caprileone e Ucria


Il Sindaco Lembo con la Dott.ssa Messina

Il Consiglio Comunale di lunedì 16 settembre, tra gli altri punti all’ordine del giorno, ha approvato la convenzione per lo svolgimento in forma associata del servizio di segreteria Comunale tra i Comuni di Caprileone e Ucria. Tale deliberazione, assunta a maggioranza con l’astensione dell’opposizione, consiste nella conduzione in forma associata del servizio di segreteria, impiegando l’opera di un solo segretario, individuato nella persona della Dott.ssa Anna Maria Messina, che eserciterà l’espletamento dell’ufficio associato nell’ambito delle funzioni previste dalla Legge, dagli Statuti, dai regolamenti e ogni altra funzione conferitagli dal Sindaco.

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco Lembo, per l’importante obbiettivo raggiunto, infatti la precedente convenzione prevedeva che gli oneri di gestione del servizio erano ripartiti al 50% tra i comuni, mentre la convenzione approvata prevede una ripartizione delle spese del 65% a carico del Comune di Caprileone e del 35% a carico del Comune di Ucria.

                                                                                                                                   Ufficio Stampa 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 65 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: